PRIMA DOMENICA DI AVVENTO 2022. RIFLESSIONE E PREGHIERA DI PADRE ANTONIO RUNGI

1424449_667721976591797_1278921107_n

I DOMENICA DI AVVENTO – ANNO A

DOMENICA 27 NOVEMBRE 2022

VEGLIARE IN ATTESA DEL MESSIA

Commento di padre Antonio Rungi

Inizia oggi il nuovo anno liturgico che è classificato come anno A ed oggi celebriamo la prima domenica di Avvento che come sappiamo significa “venuta”, con chiaro riferimento alla prima venuta del Signore nel mistero della sua nascita in mezzo a noi esseri umani, nel grembo verginale di Maria, per opera dello Spirito Santo. Parimenti ci prepariamo alla sua seconda venuta, di cui non sappiamo né il giorno e nel modo in avverrà, ma di certo ci sarà.

Il personale avvento del Signore nella nostra vita avverrà quando egli ci chiamerà a far parte del suo regno eterno ed infinito come ci h ricordato la liturgia di domenica scorsa con la solennità di Cristo Re dell’universo.

Nell’attesa di questa certa venuta per ognuno di noi, questo tempo liturgico che ci prepara al Natale 2022 ci serva a mettere a frutto tutti i suggerimenti che la parola di Dio ci detterà nel corso di questo mese, intervallato con la solennità dell’Immacolata Concezione, la festa tipica dell’Avvento dedicata alla Madre del Salvatore.

Il Vangelo di questa prima domenica, tratto dall’evangelista Matteo, ci riporta al tempo del diluvio, al tempo di Noè. A questo evento naturale ed eccezionale è paragonata da Gesù stesso la sua definitiva venuta sulla terra. Parlando ai suoi discepoli egli ricorda che in quel tempo pre-diluviano la gente mangiava e beveva, si sposava e facevano tante altre cose di vita quotidiana, ignara di quello che stava accadendo. Quaranta giorni di acqua che distrusse ogni cosa, mentre il solo Noè si salvò entrando nell’arca, che nel frattempo riuscì a costruire per mettere in salvo tutto ciò che era possibile salvare.

La venuta del Figlio dell’uomo sarà come un disastro naturale, ambientale, una vera umanitaria, in quanto uno spiraglio di salvezza si aprirà per alcuni e non per tutti. Infatti, in quel contesto, due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata. Ci sarà, quindi, una selezione, tra i salvati e gli annegati. Chiaro riferimento al giudizio universale, in cui verranno separati i buoni da cattivi. Nell’attesa del secondo avvento del Messia bisogna vegliare, perché non sappiamo in quale giorno il Signore nostro verrà. E per aiutare la comprensione di ciò che dobbiamo fare in attesa di questa venuta, Gesù ci ricorda che se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Si attrezzerebbe per respingere in qualche modo il ladro e sventare il furto. Siccome da sempre il rubare è un fatto inaspettato, anche se temuto, rapportando la venuta del Signore a quello che capita ogni giorno in ogni parte del mondo, dove i ladri entrano in azione, all’insaputa dei padroni di casa, bisogna tenersi pronti perché, nell’ora che non immaginiamo, viene il Figlio dell’uomo. Come è facile intuire non è un discorso di terrorismo psicologico quello che il Signore ci propone in questo brano evangelico, né tantomeno un tentativo di impaurirci in qualche modo, ma è un semplice modo per ricordarci che prevenire i disastri morali e spirituali per la nostra vita futura, quella eterna, è necessario vigilare sui propri comportamenti e non lasciarsi andare in atteggiamenti lesivi della propria dignità di figli di Dio, di quella immagine che portiamo impressa in noi e  che mai dobbiamo offuscare con il peccato, l’immoralità e quanto può allontanarci da Lui. L’allontanamento porta all’assenza di fiducia, gioia e speranza per il glorioso e trionfante ritorno del Signore, il quale verrà per assegnare a ciascuno di noi il posto che ci spetta nella gloria del suo Regno.

Al Signore che viene rivolgiamo questa nostra umile preghiera dell’Avvento: Ti sentiamo più vicino che mai o Gesù, mite ed umile di cuore, mentre noi ci accingiamo a ricordare la tua prima venuta tra noi, nell’annuale ricorrenza del tuo Natale.

Gesù, siamo nell’attesa di tante cose che anche importanti ma non essenziali come Te e che non conducono a Te.

Fa che cerchiamo solo Te, per vivere felici in Te.

Siamo in attesa di un mondo migliore, che noi tutti dobbiamo costruire nel tuo amore, di un tempo nostro ed altrui senza più preoccupazioni, affanni e dolori della vita, che pure ci offre tante aspettative.

Siamo in attesa di un sorriso di chi ci sta vicino, di una mano che ci prenda per mano e ci risollevi dalle nostre continue cadute, di un cuore che sappia palpitare d’amore, all’unisono, con il Tuo cuore e con il cuore di tutto il mondo.

Siamo in attesa di quella felicità,

alla quale ogni essere umano aspira, senza neppure volerlo, perché noi siamo stati creati per essere felici in Te, con Te e per Te, Gesù, gioia immensa ed eterna.

Gesù, vieni in questo Natale 2022 a ridare gioia e speranza ai nostri cuori affranti, segnati da tante tristezze e malinconie, che solo il tuo sorriso di Bambino può ridonarci percorrendo la strada che porta alla tua umile grotta dove sei al mondo. Amen. (Preghiera per l’Avvento 2022 di padre Antonio Rungi)

FERMIAMO LA GUERRA, FIRMIAMO LA PACE. APPELLO DI P.RUNGI

Comunicato stampa

IMG_20200310_002622

Itri. “Fermiamo la guerra, firmiamo la pace”. Il teologo passionista padre Antonio Rungi scrive una lettera aperta a Putin e Zelens’kyi. Dal santuario della Civita un messaggio di speranza per il Natale 2022.

“Fermiamo la guerra, firmiamo la pace”, è l’appello che il teologo passionista, padre Antonio Rungi, lancia dal Santuario mariano della Civita, in occasione della Solennità di Cristo Re dell’Universo, che si celebra domani 20 novembre nella Chiesa cattolica.In una lettera aperta diretta, attraverso i media, padre Rungi scrive direttamente ai due presidenti, responsabili delle due nazioni belligeranti, la Russia e l’Ucraina, con queste precise parole:

“Signori presidenti della Federazione Russa, Vladimir Putin, e della libera nazione ucraina, Volodymyr Zelens’kyj, scrivo a voi nome di quanti in Italia e nel mondo, cristiani, cattolici e di altre fedi religiose, hanno a cuore la pace non solo tra le vostre nazioni ma in tutto il mondo. Le guerre non si vincono mai. Queste sono sempre e comunque perdenti, Se qualcosa c’è da vincere ora e sempre, in tutto il mondo, quella è la pace. Noi vogliamo vincere la pace e fermare la vostra e qualsiasi altra guerra in atto nel mondo, con la preghiera, la fiducia e la speranza nella nostra sensibilità politica ed umana. Questa umanità ha bisogno di serenità, collaborazione e rispetto tra le nazioni. Nessuna violenza, ingiustizia, sopraffazione può e deve essere legittimata nel nome di un presunto diritto su terre, luoghi territori, culture e popoli, che appartengono al Creatore e a Colui che ha fatto ogni cosa.

Nel nome di quel Dio in cui noi tutti crediamo che è venuto a portare la pace, 2022 anni fa, il cui nome è Gesù Cristo, fermate la guerra sul territorio ucraino e firmate la pace senza condizioni. Davanti alla Grotta di Betlemme chiedete perdono alle vostre rispettive popolazioni per i morti, le distruzioni causati da nove mesi di guerra che ha prodotto solo danni, disastri e problemi per l’oggi e il domani delle vostre popolazioni. Ci avviciniamo a Santo Natale che è festa anche per voi cristiani della Russia e dell’Ucraina. Per questo giorno santo ed importante per tutta l’umanità, alla scuola di Gesù Bambino, firmate una pace vera e duratura, non solo per il bene delle vostre nazioni, ma per tutto il resto del mondo che soffre per assurda guerra ed ingiustificata nel cuore del Vecchio Continente, non senza responsabilità indiretta dei grandi della Terra”.  

Padre Rungi attraverso i social ha lanciato questa campagna di sottoscrizione della pace in Ucraina e nel resto del mondo.

Il grido della sofferenza dei malati di tumore e dei familiari. Una preghiera per alleviare le sofferenze.

IMG_20200310_002622
Comunicato stampa.
Il teologo passionista padre Antonio Rungi. Il grido della sofferenza dei malati di tumore e dei familiari. Una preghiera per alleviare le sofferenze.
“A causa della pandemia per due anni molte persone non hanno potuto usufruire delle cure antitumorali, né tantomeno essere ricoverate. Oggi è tempo di riprendere in mano la cura delle persone che soffrono di questi terribili mali e che spesso non trovano posto negli ospedali o cliniche convenzionate”, è quanto denuncia padre Antonio Rungi, teologo passionista del santuario mariano della Civita in Itri. “Sistematicamente ci vengono segnalate persone affette da tumore che non possono ricevere le cure necessarie negli ospedali vicino casa, molti devo uscire fuori regione o andare fuori nazione. C’è poi da superare un’effettiva difficoltà che molti incontrano nella cura dei tumori. Iniziano con visite private ed accertamenti in cliniche primate a pagamento e nel momento in cui viene diagnosticato un male incurabile le cliniche lasciano i pazienti e familiari da soli, che devono trovare soluzioni nel pubblico. Cosa non facile visto che sono pochissimi i posti letti e i reparti per le varie tipologie tumorali.
Bisogna aumentare questi reparti, visto che i tumori sono in crescente crescita a livello nazionale. Molta importanza si dà giustamente alla ricerca e a reperire fondi al riguardo, ma poco si fa per curare gli ammalati soprattutto se in un’età avanzata. La comunità nazionale deve farsi carico di questo grosso problema che nella maggior parte dei casi interessa un’enorme percentuale di persone e famiglie in Italia. E’ urgente trovare punto di incontro e di collaborazione tra pubblico e privato perché i cittadini italiani appartengono a tutto il paese e non solo ad una parte di esso. Potenziamo i centri oncologici dove poter curare adeguatamente e con l’assistenza necessaria tutti i malati di cancro. Le famiglie non posso affrontare queste sfide né tantomeno devono essere loro a risolvere un problema di salute quando un loro familiare è affatto di questi terribili mali.
Chiedo al governo presieduto da Giorgia Meloni e soprattutto al Ministro della Salute – scrive padre Rungi – di potenziare i centri oncologici gratuiti e legare il privato con il pubblico almeno in questo settore di particolare gravità per la salute dei cittadini italiani”.
Per avallare questa sua proposta da teologo morale, con una specifica vocazione da passionista a stare vicino alle sofferenze altrui, padre Rungi ha composta una bellissima preghiera per in malati di cancro, diffusa sui sociali e che qui viene riproposta: “Signore della vita ti affidiamo tutte le persone malate di cancro o di tumore, che non trovano cura e sollievo ai loro terribili dolori. Tu Signore conosci le loro sofferenze e quelle delle persone che sono vicine a loro per legami naturali, familiari o medicali. Allieva i patimenti di quanti hanno incontrato nella vita quello terribile morbo, non sempre curabile e con poche prospettive di sopravvivenza. nel tempo. Guida la mente di quanti sono impegnati nella ricerca per debellare scientificamente questo male, affinché quanto prima possano scoprire la cura specifica per salvare tante vite. Ti chiediamo Signore illumina la mente dei governanti, di coloro che sono impegnati nel servizio sanitario nazionale a predisporre un piano assistenziale di farmaci, aiuti e strutture, perché nessun malato di cancro venga abbandonato a se stesso o relegato nelle strutture in attesa della fine dei propri giorni. Tu che tutto puoi, fa che nel patire mali simili possiamo aver fiducia in Te, unico Dio, che mai ci abbandoni soprattutto nel momento della prova. A Te Vergine Santa, salute degli infermi ti affidiamo questa persona cara…..liberala da questo terribile male, mediante la tua potente intercessione presso il Signore, morto sulla croce per noi, che Tu ha assistito fino all’ultimo respiro della sua vita. Tu Madre del Cristo risorto dopo tre giorni di freddo sepolcro, ridona speranza e gioia a tanti sono affetti da mali terribili come tumori e cose simili. Maria sii vicino a quanti stanno lottando per la vita in tutti i reparti oncologici dell’Italia e del Mondo intero o che sono curati con immenso amore e generosità presso le loro abitazioni. Amen.

SAN PAOLO DELLA CROCE 2022. LA PREGHIERA DI PADRE ANTONIO RUNGI PER LA PACE

R (1)
PREGHIERA A SAN PAOLO DELLA CROCE
PER LA PACE IN EUROPA E NEL MONDO
Testo di padre Antonio Rungi
O apostolo di Gesù Crocifisso,
O San Paolo della Croce,
Fondatore dei passionisti,
missionario della pace
in tutti i borghi d’Italia,
noi tuoi devoti ci rivolgiamo a te
in questo tempo di guerra,
segnato da tanti conflitti,
che causano morte e sofferenza
in ogni angolo della Terra.
Fà, o predicatore
della Passione di Cristo,
che alla scuola di Gesù Crocifisso,
noi tutti tuoi figli spirituali
sostenuti dalla sapienza della croce,
diventiamo artigiani di pace,
ovunque siamo
e con chiunque ci troviamo.
Mediante la tua potente intercessione
presso il Signore
fa o San Paolo della Croce
che Cristo Redentore,
Principe della Pace,
ascolti la nostra umile preghiera
e trasformi i tanti campi di combattimento
in giardini di pace,
dove ognuno possa spargere
il seme della bontà e dell’amore
nel nome dell’unico Dio
e Signore del mondo e della storia. Amen
Gloria al Padre…
San Paolo della Croce
Prega per noi.

PREGHIERA A SAN FRANCESCO D’ASSISI – 4 OTTOBRE 2022

PREGHIERA A SAN FRANCECO D’ASSISI PER LA PACE NEL MONDO
di padre Antonio Rungi
A te, beato Francesco,
stretti dalla morsa delle tante guerre nel mondo,
soprattutto nella nostra Europa,
ci rivolgiamo a te, in questo giorno di festa,
in cui l’Italia ti venera come patrono e protettore.
Tu, Francesco d’Assisi,
da sempre ritenuto un alter Christus,
vicino al tuo amato Gesù
chiedi per noi e per tutti
la pace per questo mondo,
che non cerca l’unione,
ma alimenta la divisione.
Tu che tanto puoi presso il Signore,
non dimenticarti delle afflizioni del popolo italiano,
dopo le sofferenze della pandemia
ed ora per la guerra in Ucraina.
Tu che hai scelto la povertà
come via maestra per la santità,
insegna a noi ad essere distaccati dai beni della terra,
ma ad assicurare almeno il necessario
a chi soffre la fame
e vive privo di ogni libertà.
Tu che hai amato la natura
e sei stato promotore
del rispetto del Creato,
insegna a questa umanità
come proteggere l’ambiente naturale
e la terra come casa comune
in cui abitare con tutti.
Tu che ha vissuto nella letizia spirituale, nella semplicità,
guarda la Chiesa che oggi è guidata da Papa Francesco,
e ricostruiscila nel segno della verità,
della autenticità e dell’unità,
secondo gli insegnamenti di Cristo
che ha pregato il Padre
perché tutti siano uniti.
Maria la Madre della gioia,
Regina pace,
sorgente di vera letizia,
sia la nostra maestra di vita evangelica
nel portare pace su tutta la terra. Amen.

A TE CHE SEI LA MIA VITA, MADRE DI DIO

BLOG SANTA FAMIGLIA (13)
A te che sei la mia vita, Madre di Dio.
di padre Antonio Rungi
Grazie del tuo sorriso quado sorridi
e non nascondi la gioia intima del tuo cuore.
O Madre della gioia.
Grazie quando piangi
e non copri la sofferenza
con un’apparente felicità che non c’e,
O Madre Addolorata.
Grazie dell’ansia che ti prende
quando devi affrontare una sfida
apparentemente più grande di te,
ma alla portata dei cuori immacolati
e delle anime semplici
come te, o Maria in cammino con Cristo.
Grazie di quel servizio umile e disinteressato
che svolgi nel silenzio
e senza aspettarti riconoscimenti,
mentre segui tuo Figlio,
in mezzo alla folla desiderosa della sua parola,
o Madre dell’ascolto.
Grazie per la possibilità di poterti incontrare
di persona o a distanza
ma sempre intimamente
vicini in quelle stanze
in cui ci raduna l’amore di Dio,
che è la Chiesa dedicata a Te.,
o Madre della Santa Casa di Loreto.
Grazie di esistere
per la tua bellezza senza confini,
perché tu sei bella
per il riflesso di Dio
che custodisci gelosamente
nel tuo essere donna e madre
con tanti figli da amare, curare
e vedere crescere nel tempo e per l’eternità.,
o Madre della Santa Speranza.
Amen.

AIROLA (BN). LA CHIESA DELL’ADDOLORATA ERETTA A SANTUARIO MARIANO DIOCESANO

R (4)R (2)

AIROLA (BN). LA CHIESA DELL’ADDOLORATA ELEVATA A SANTUARIO DIOCESANO

di Antonio Rungi

Sarà il Vescovo di Cerreto-Telese-Sant’Agata dei Goti, monsignor Giuseppe Mazzafaro, a presiedere la solenne liturgia eucaristica di giovedì 15 settembre 2022, alle ore 18, nella Chiesa della Madonna Addolorata, che in questa specifica circostanza sarà elevata ed eretta a Santuario diocesano con decreto dello stesso vescovo.

La storia di questo santuario, molto noto e frequentato dai devoti della Valle Caudina, parte da molto lontano e la devozione alla Madonna Addolorata degli airolani è tra le più solide e testimoniate nel corso delle celebrazioni annuali di settembre, durante il mese di maggio, nelle domeniche di tutto l’anno e nelle grandi ricorrenze liturgiche e mariane.

Il santuario, con annesso monastero, fu edificato nel 1363 per volere di Giovanni Della Lagonissa (Leonessa), feudatario di Airola. L’edificio, denominato Santa Maria dell’Ariella, fu donato nel 1369 dal feudatario di Airola ai monaci Benedettini di Montevergine.

La chiesa, durante l’assedio alla rocca di Airola subì tali conseguenze che nel 1517 si presentava quasi completamente distrutta.

Nel 1601 il vecchio monastero di Santa Maria dell’Ariella, costruito nella parte alta di Airola, non era più adatto alle mutate condizioni di vita del paese che dalla collina di Monteoliveto si era spostato nella piana di Airola.

Nel 1608 fu iniziata la costruzione di un altro monastero, a valle, vicino alla chiesa della SS. Annunziata, chiamato poi S. Maria della Misericordia.

Con la discesa a valle dei monaci, la chiesa visse un lungo periodo di abbandono.

Nel 1672 Donna Maria Candida Spinelli fece restaurare la chiesa e, ottenute le dovute autorizzazioni, la fece riaprire al pubblico.

La chiesa che presenta ancora tracce gotiche, a forma rettangolare, a navata unica con quattro altari laterali è un gioiello di arte e di storia.

Sull’altare maggiore vi è una pala d’altare che raffigura l’Addolorata con Gesù deposto dalla croce, opera di Andrea Solario.

Oggi il santuario fa parte del territorio della parrocchia di San Michele Arcangelo a Serpentara, affidata alla cura dei Padri Passionisti del vicino convento di Monteoliveto.

La festa dedicata alla Madonna Addolorata che interessa tutto il mese di settembre, inizia come sempre con il solenne settenario, l’8 settembre. Quest’anno la predicazione è stata affidata dal parroco, padre Emanuele Zippo, passionista, a don Pasqualino Di Dio, fondatore della Fraternità apostolica della Misericordia.

Nel corso del settenario saranno diversi gli appuntamenti di carattere religioso, culturale, sociali e ricreativi predisposti dal consiglio pastorale parrocchiale e dal Comitato, presieduto dal parroco.

Concluderà le celebrazioni monsignor Giulio Mencuccini, passionista, vescovo emerito di Sanggau (Indonesia), missionario nel Borneo per circa 50 anni, di 32 anni svolti come vescovo nella diocesi di titolarità, dove si spostava in moto, Da qui l’appellativo di vescovo biker. La solenne celebrazione è in programma per domenica 18 settembre alle ore 16,30 nella Chiesa di San Michele a Serpentara.

In questo mese di settembre, salire al santuario della Madonna Addolorata, così da sempre chiamato e definito, ma anche seguire la peregrinatio della bellisma ed espressiva statua della Madonna per tutte le chiese della cittadina, per gli airolani oltre ad essere una pratica religiosa molto sentita e curata negli aspetti interiori è anche un’attestazione di un amore filiale e di cura speciale verso questo luogo di preghiera, dedicato a Maria, che ai piedi della croce riceve da Gesù il compito di custodire e proteggere l’umanità intera.

Mai come in questi anni di sofferenza, prima con la pandemia ed ora la guerra in Ucrania, inoltre con i tanti mali che affliggono le singole persone e l’umanità, la Madonna Addolorata rappresenta per tutti un forte richiamo a fare della sofferenza uno strumento di compartecipazione a ciò che manca alla passione del Signore, come afferma san Paolo Apostolo:  “Perciò sono lieto delle sofferenze che sopporto per voi e completo nella mia carne quello che manca ai patimenti di Cristo, a favore del suo corpo che è la Chiesa” (Col 1,24).

LA RIFLESSIONE DI PADRE RUNGI PER LA XIX DOMENICA DEL T.O. 7 AGOSTO 2022

IMG_0120
Domenica, XIX del tempo ordinario. Anno C.

Domenica 7 agosto 2022

Essere pronti a tutto.

Commento di padre Antonio Rungi

Il vangelo della XIX domenica del tempo ordinario, prima domenica di agosto 2022, ritorna su due tematiche già accennate nella domenica scorsa e cioè il discorso sull’attaccamento ai beni della terra e quello sul destino eterno dell’uomo. In entrambi i casi Gesù è molto chiaro ed esplicito nel far passare il suo messaggio e proporre il suo insegnamento indirizzandolo direttamente ai suoi discepoli: «Non temere, piccolo gregge, perché al Padre vostro è piaciuto dare a voi il Regno”.

Non bisogna temere ed avere paura di fare scelte radicali e coraggiose per il proprio futuro esistenziale, umano, spirituale e religioso.

Prima cosa da fare è vendere ciò che si possiede e darlo in elemosina; seconda cosa da farsi è acquistare (simbolicamente!) borse che non invecchiano, un tesoro sicuro nei cieli, dove ladro non arriva e tarlo non consuma”. La nostra maggiore preoccupazione, invece, è quella di concentrare i nostri interessi e il nostro cuore dov’è il nostro tesoro, ovvero i nostri soldi, i nostri affari e guadagni. Una cosa più importante rispetto alle altre è quella dell’amore di Dio verso le sue creature e dell’amore fraterno che ci preparano all’eternità.

“Siate pronti, – raccomanda Gesù ai suoi – con le vesti strette ai fianchi e le lampade accese”, cioè con la carità e la fede che sono le due virtù teologali che devono sostenere il nostro cammino della speranza in vista dell’eternità. Ecco perché Gesù aggiunge anche a chi dobbiamo ispirarci, dicendo di essere simili (e non uguali ed identici, in quanto ognuno è diverso dall’altro) a quelli che aspettano il loro padrone quando torna dalle nozze, in modo che, quando arriva e bussa, gli aprano subito”. In poche parole, bisogna essere pronti e vigilanti in attesa del Signore, di cui non conosciamo il suo ritorno e soprattutto la nostra convocazione al regno dei cieli. Se il Signore ci troverà ancora svegli nella fede e nell’amore saremmo beati per l’eternità, in quanto il suo regno è per i poveri, i puri, i pacificatori, gli umili, i coraggiosi, i perseguitati, e per tutte le varie categorie di persone che hanno preso seriamente a cuore il vangelo e lo hanno vissuto per davvero.
In cielo cosa succederà per tutti costoro? Gesù ci dice che “in verità Egli si stringerà le vesti ai fianchi, li farà mettere a tavola e passerà a servirli. E se, giungendo nel mezzo della notte o prima dell’alba, li troverà così, beati loro!”. Un Dio che si fa servo per amore non solo morendo sulla croce per noi, ma accogliendoci al banchetto celeste in cui sarà Lui a venire incontro al nostro bisogno di gioia e pace eterna. Non ci servirà piatti di tristezza o avvelenati dall’odio, ma piatti di amore, tenerezza e di misericordia.
Nel Vangelo di questa domenica, Gesù stesso ci raccomanda, portando un esempio apparentemente banale ed ansiogeno per certi versi: “Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. Anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo». Essere pronti all’incontro con Cristo per l’eternità, preparati, svegli e non preoccupati di niente se abbiamo agito santamente.
Gesù sta parlando ai suoi discepoli e Pietro fa finta di non capire, come se quel discorso del Maestro non riguardasse anche loro, che nella loro convinzione o illusione pensavano di essere al sicuro e al riparo di ogni imprevisto di ritorno non annunciato e programmato dal Signore, non messo nella sua agenda del governo del mondo e della storia. Per cui si rivolge a Gesù con questa domanda: «Signore, questa parabola la dici per noi o anche per tutti?». Gesù anche in questo caso evita la risposta diretta e immediata ed amplia la riflessione per far capire a Pietro e a tutti che nessuno è escluso dal suo insegnamento e dai suoi moniti e dice: «Chi è dunque l’amministratore fidato e prudente, che il padrone metterà a capo della sua servitù per dare la razione di cibo a tempo debito?” È quel servo che il padrone, arrivando, troverà ad agire bene ed onestamente. Conclusione di tutto: “Davvero io vi dico che lo metterà a capo di tutti i suoi averi”.

Dio ha fiducia e premia i servi fedeli, mente richiama il servo infedele. Infatti fa osservare che se quel servo dicesse in cuor suo: “Il mio padrone tarda a venire”, e cominciasse a percuotere i servi e le serve (a lui sottomesse) a mangiare, a bere e a ubriacarsi, il padrone di quel servo arriverà un giorno in cui non se l’aspetta e a un’ora che non sa, lo punirà severamente e gli infliggerà la sorte che meritano gli infedeli.

Chiaro riferimento all’Inferno, alla condanna eterna. Peggio, poi, per quel il servo che, conoscendo la volontà del padrone, non avrà disposto o agito secondo la sua volontà, riceverà molte percosse; al contrario, in termini di misericordia e tolleranza, quel servo invece che, non conoscendo la volontà del padrone, avrà fatto cose meritevoli di percosse, ne riceverà poche. Quindi la coscienza e la consapevolezza ci responsabilizzano davanti a Dio e agli uomini. Se siamo capaci di intendere e di volere non possiamo dire di non aver capito e di non aver potuto agire bene e nella direzione giusta. In conclusione è bene sapere dalla parola stessa di Gesù che “a chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più».

Chi può dire ché non ha ricevuto nulla? Nessuno! Chi più e chi meno tutti abbiamo ricevuto da Dio più di quanto avremmo meritato o per nulla meritato. Grazie Gesù, Grazie Signore per tutto quello che ci doni ogni giorno e nel tempo e speriamo nell’eternità.

P.RUNGI. COMMENTO ALLA XIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO C- 3 LUGLIO 2022

IMG_0120

Domenica XIV del Tempo ordinario – Anno C

Domenica 3 luglio 2022

Da soli non si evangelizza, insieme si cammina e si realizza il progetto di Dio

Commento di padre Antonio Rungi

La quattordicesima domenica del tempo ordinario, la prima di questo mese di luglio 2022 ci invita a riflettere su uno dei temi di grande attualità nell’ambito della vita ecclesiale: la mancanza di operai nella messe del Signore. Gli operai sono gli evangelizzatori; papa, vescovi, sacerdoti, religios e religiose e soprattutto i laici, quelli che sono numericamente più consistenti e che possono contribuire enormemente alla diffusione del vangelo, soprattutto oggi, in questo nostro difficile tempo in cui il rapporto personale, familiare e comunitario con il sacro è davvero un problema ed una preoccupazione.

Come fare per far conoscere Cristo, il Vangelo, la Chiesa ed i valori autenticamente cristiani in un mondo globalizzato e massificato come il nostro?

Nel brano del vangelo di questa domenica, tratto da San Luca, Gesù ci indica un possibile percorso da seguire e da attuare. Bisogna scegliere ed inviare coloro che sono disposti ad evangelizzare. Mai come oggi la messe è davvero grande ed estesa, ma gli operai che lavorano nella vigna del Signore si sono ridotti e pochi si rendono disponibili a seguire la chiamata di Dio nella vita sacerdotale, religiosa o missionaria. La scelta degli altri settantadue discepoli ci fa capire al di là del numero simbolico che più siamo e più convinti siamo della nostra fede e più facilmente la diffondiamo senza imposizione o violenza di sorta, ma semplicemente con la nostra testimonianza e santità di vita. Facendo un calcolo in base alla scelta effettuata da Gesù 72 diviso 2, costituiscono 36 gruppi di discepoli che devono andare a due a due e non da soli.

La chiesa è comunione non è singolo, anche se è composta da singole persone, ma da soli non si fa chiesa e non si proclama la verità della comunione ecclesiale che parte proprio dall’esigenza di non essere battitori liberi e singoli, ma di camminare insieme e lavorare insieme. In un tempo come quello che stiamo vivendo del sinodo sulla sinodalità risulta di grande importanza questa scelta operativa fatta da Gesù stesso per indicarci il criterio essenziale per camminare ed evangelizzare come comunità di credenti. Quante volte sentiamo queste espressioni e anche lamentele che da soli non ce la facciamo non solo nel ministero sacerdotale, episcopale o laicale e che abbiamo bisogno di aiuto. Quel due a due e quelle 36 coppie di apostoli esprimono l’intera umanità che necessita dell’incontro con il vangelo di Cristo e con i testimoni di Cristo. Tuttavia Gesù pur sapendo della necessità di diffondere il vangelo in ogni angolo della terra mette in guardia e sull’avviso i suoi ulteriori 72 discepoli, dopo i 12 apostoli, dicendo “Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi”. Quindi state attenti non sarà facile evangelizzare, in quanto la bontà e la dolcezza della parola di Dio si scontrerà con la realtà drammatica e difficile del mondo, dove i lupi rapaci sono sempre in agguato per sbranare gli agnellini deboli e semplici come sono le pecore dell’ovile di Cristo. Gesù non si limita a fare raccomandazioni ma anche ad indicare uno stile di missionario da cui non si può prescindere se si vuole essere credibili nell’annunciare il vangelo.

Quali regole allora osservare per un vero missionario? Non portare borsa, né sacca, né sandali e non fermarsi a salutare nessuno lungo la strada. Cosa voglia dire tutto questo è facile da capire: la povertà, la celerità e l’itineranza devono caratterizzare il missionario del vangelo.

Cosa devono annunciare gli apostoli del Vangelo? E’ Gesù che lo indica espressamente: “In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi”.

Mai come in questi mesi di guerra nel cuore dell’Europa da tutto il mondo cattolico, in primis dalla voce di Papa Francesco, si è alzato il grido della pace, ma nessun figlio delle nazioni in conflitto sembra essere disposto a fare la pace, mentre sembra che ci sia tutto l’interesse a continuare in un’ assurda guerra che rischia in qualsiasi momento di degenerare e di estendersi in altri territori.

Il grido di pace della Chiesa non è ascoltato, non si è trovato un figlio della pace che in Russia a partire da Putin ha accolto questo grido e questa richiesta di tutta la cristianità.

Un altro monito viene da Gesù ai suoi nuovi 72 apostoli, quello di non girovagare perdendo tempo inutilmente. Ecco quindi l’ultima raccomandazione: “Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra”.

Sapersi accontentare e restare in quelle abitazioni dove si possa stabilire anche un contatto preciso con chi vuole incontrare il missionario. Per cui, quando un inviato della Chiesa viene mandato in una città o luogo, quando questi vi entra e sarà chiaramente accolto, deve essere grato di quel poco o molto che gli verrà dato. Non deve pretendere nulla. Anzi, al contrario deve impegnarsi in quell’opera di evangelizzazione che ha una sua credibilità ed efficacia nella misura in cui si traduce in promozione umana.

Non a caso Gesù obbliga, perché è un suo inviato, di guarire i malati che si trovano in quel luogo e soprattutto quello di annunciare la conversione perché il regno di Dio è vicino.

I 72 partirono, andarono e tornarono con grandi risultati missionari, tanto da inorgoglirsi per il successo ottenuto. Ma Gesù li richiama e li riporta alla realtà della vita e della salvezza eterna: “Non rallegratevi però perché i demòni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli».

La nostra gioia non sta nel successo che otteniamo anche nella predicazione e nell’evangelizzazione, ma nel fatto che mediante questo nostro impegno missionario potenziamo e rendiamo più visibile e leggile la scrittura del nostro nome che è stato inciso nel Paradiso. Di questo tutti dobbiamo esserne fieri e raggiungere la meta nelle condizioni migliori possibili, per non far sbiadire quel nome nostro che Dio ha scritto nel giardino del suo e nostro cielo.

Napoli. Sessantesimo di professione religiosa di Suor Bernardetta Lai. Rito presieduto dal cardinale Sepe

IMG-20220522-WA0080 IMG-20220429-WA0058

NAPOLI. 60 ANNI DI PROFESSIONE RELIGIOSA DI SUOR BERNADETTA LAI. RITO PRESIEDUTO DAL CARDINALE CRESCENZIO SEPE, ARCIVESCOVO EMERITO DI NAPOLI

di Antonio Rungi

Domani pomeriggio, martedì 24 maggio 2022, alle ore 17, nella Chiesa delle Monache Passioniste di Napoli, il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo emerito di Napoli, presiederà la solenne concelebrazione eucaristica in occasione del sessantesimo anniversario di professione religiosa di Suor Maria Bernadetta del Cuore Immacolato e Addolorato di Maria (al secolo Tommasina Lai).

Con il cardinale Sepe concelebreranno diversi sacerdoti passionisti e diocesani, che da anni seguono spiritualmente le Monache Passioniste del Monastero di San Giacomo dei Capri in Napoli. “E’ una grande gioia per tutti noi passionisti – ha detto padre Antonio Rungi, già assistente spirituale del monastero negli anni 2003-2008 – ritrovarci intorno a questa nostra consorella che con passione, dedizione, sacrificio ed abnegazione ha servito, prima il Monastero di Tarquinia e poi quello di Napoli, nel ruolo di Presidente della comunità monastica in un periodo di carenza di presenza e di vocazioni. Proprio per interessamento del cardinale Sepe e del compianto monsignor Piergiorgio Silvano Nesti, allora segretario della Congregazione vaticana degli istituti di vita consacrata e delle società apostoliche che fu possibile assicurare una presenza giovanile e più consistente in questo monastero, con l’arrivo di ben cinque monache passioniste indonesiane, che subito si inserirono nel contesto della realtà ecclesiale di Napoli, facendone di questo monastero un luogo di spiritualità passionista aperto al pubblico e capace di venire incontro alle esigenze di quanti erano e sono alla ricerca di Dio. Molto del merito di questa rinascita del Monastero delle Passioniste di Napoli va riconosciuto proprio a Suor Bernardetta, che in qualità di Superiora della comunità sentiva la necessità di non abbandonare questa importante oasi di spiritualità nella zona più rinomata della città di Napoli, appunto il Vomero. Persona umile, affabile, accondiscendente, servizievole e lavoratrice, con un bagaglio spirituale di ampia porta e di grande solidità interiore, suor Bernadetta ha segnato la storia di questo monastero in uno dei momenti più difficili di esso, essendo stato fondato nel 1928. Giusto quindi riconoscere a questa anziana suora ciò che le spetta non solo davanti alla Chiesa e alla Congregazione dei Passionisti, ma anche nella città di Napoli, che l’ha accolta e ben volentieri ha collaborato, in tanti modi, con lei per aiutare il Monastero. I lavori che sono stati fatti in quegli anni per la manutenzione e la migliore sistemazione dei locali sono noti a quanti hanno contribuito a rendere possibile questo progetto di salvaguardia del monastero e soprattutto della presenza in essa delle Figlie spirituali di San Paolo della Croce e della cofondatrice la venerabile Maria Crocifissa di Gesù (Faustina Geltrude Costantini)”.

Nel ringraziare il Signore per il dono della vocazione e per questo traguardo importante della sua vita di monaca passionista, suor Bernardetta scrive testualmente: “Mi chiamo Tommasina Lai, da monaca ho preso il nome di Maria Bernardetta del Cuore Immacolato e Addolorato di Maria. Sono nata in Sardegna. All’età di 14 anni, con la mia famiglia, siamo emigrati nel Lazio. Eravamo otto figli, tutti ancora molto piccoli. Ciascuno si impegnava in diverse piccole mansioni per poterci sostenere. Le mie origini sono molto umili e semplici, senza che sia mancato mai il calore e l’affetto della prima chiesa: la famiglia! Io ho lavorato in ospedale a Montalto di Castro, dove c’erano le suore “figlie di Sant’Anna”, che mi hanno aiutato a conoscere meglio il Signore e a dare ascolto a quella voce che sentivo dentro di me: la vocazione!

Sempre di più, in quegli anni, mi affascinava la vita di preghiera. A 18 anni sono entrata nel Monastero di Tarquinia, fondato da San Paolo della Croce. Vi sono rimasta 40 anni, svolgendo umili servizi a favore della comunità, lavanderia, cucina ed altro.  Nel 2000, col permesso della Sacra Congregazione, sono stata trasferita in questo Monastero a Napoli per sostituire la Superiora del tempo, molto ammalata, anche lei proveniente da Tarquinia. Qui sono stata al servizio della Comunità come Superiora per dieci anni. Già da alcuni anni avevamo ospitato nel nostro Monastero diverse suore provenienti dall’Indonesia. Abbiamo così eletto la nuova Superiora, Madre Giuliana, che ringrazio per la considerazione, le sue attenzioni e per la bella collaborazione che si è creata tra noi. Rimango tanto grata a Dio per tutti questi anni vissuti nella Comunità, osservando in tutto l’ideale del nostro Fondatore. Invoco il Suo aiuto, con il sacrificio e la preghiera, per noi e per tutta l’Umanità bisognosa di Lui. Per questi 60 anni di consacrazione elevo il mio ringraziamento al Signore per la vocazione tra le contemplative, così alla Vergine Addolorata e San Paolo della Croce, Padre e Fondatore. Ringrazio la Chiesa nostra madre che ha accolto la mia vocazione, tutti i miei cari, soprattutto quelli che sono già in Cielo, la mia famiglia Passionista, grata per tanto affetto e tanto bene ricevuto, anche per gli ammonimenti, che mi hanno aiutato a crescere nelle virtù e nell’amore a Dio e al prossimo”.

Un grazie speciale esprime al Cardinale Sepe “per tutte le attenzioni che ha sempre mostrato verso il Monastero delle Passioniste di Napoli”.