LA TERAPIA DI PAPA FRANCESCO CONTRO LE MALATTIE DELLA CHIESA

IMG_20140726_180531

CONTRO LE MALATTIE DELLA CHIESA

LA TERAPIA DI PAPA FRANCESCO 

A CURA DI PADRE ANTONIO RUNGI, PASSIONISTA 

Il Santo Padre, Papa Francesco, nell’incontrare la Curia Romana, per l’annuale augurio di Natale e di Capodanno ha parlato senza peli sulla lingua di 15 malattie che affliggono la Chiesa e da cui bisogna guarire.

Tali malattie e tali tentazioni – dice Papa Francesco – sono naturalmente un pericolo per ogni cristiano e per ogni curia, comunità, congregazione, parrocchia, movimento ecclesiale, e possono colpire sia a livello individuale sia comunitario.

1. La malattia del sentirsi “immortale”, “immune” o addirittura “indispensabile”trascurando i necessari e abituali controlli.  L’antidoto a questa epidemia è la grazia di sentirci peccatori e di dire con tutto il cuore: «Siamo servi inutili”.

2. Un’altra: La malattia del “martalismo” (che viene da Marta), dell’eccessiva operosità: ossia di coloro che si immergono nel lavoro,  , inevitabilmente, “la parte migliore”: il sedersi sotto i piedi di Gesù (cfr Lc 10,38-42). La cura consiste nel riposo. 

3. C’è anche la malattia dell’“impietrimento” mentale e spirituale. La cura consiste nell’ «avere gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù» (Fil 2,5), sentimenti di umiltà e di donazione, di distacco e di generosità. 

4. La malattia dell’eccessiva pianificazione e del funzionalismo. La cura consiste nell’abbandonarsi allo Spirito Santo. Egli è freschezza, fantasia, novità».  

5. La malattia del cattivo coordinamento. La cura sta nell’armonizzare il tutto, senza prevaricazione di qualcuno o superiorità di altri.  

6. C’è anche la malattia dell’“alzheimer spirituale”. La cura consiste nel recuperare la vita spirituale ed interiore. superando passioni, capricci e manie, eliminando muri di divisione, abbandonando gli idoli che hanno scolpito con le loro stesse mani. 

7. La malattia della rivalità e della vanagloria. La cura è la comunione e l’umiltà del cuore e della vita.  

8. La malattia della schizofrenia esistenziale. La cura consiste nell’essere autentici e coerenti. Fare ciò che si dice e farlo bene. 

9. La malattia delle chiacchiere, delle mormorazioni e dei pettegolezzi.  È la malattia delle persone vigliacche che non avendo il coraggio di parlare direttamente parlano dietro le spalle. La cura consiste nel silenzio e nel parlare bene degli altri, senza calunniare e fare chiacchiere inutili. 

10. La malattia di divinizzare i capi. La cura consiste nel servizio umile e disinteressato, senza attese di promozioni varie.  

11. La malattia dell’indifferenza verso gli altri. La cura consiste nell’attenzione amorevole verso gli altri e nell’aiuto quando uno cade.  

12. La malattia della faccia funerea. La cura consiste in un sano umorismo e autoironia. Fa bene scherzare con su se stessi e non prendere seriamente ogni cosa. 

13. La malattia dell’accumulare. La cura consiste nel distacco da ogni cosa e nell’alleggerirsi dei pesi dell’economia fine a se stessa e che non fa bene a nessuno. L’accumulo appesantisce solamente e rallenta il cammino inesorabilmente!  

14. La malattia dei circoli chiusi. La cura consiste nell’aprirsi agli altri e dare opportunità a tutti di realizzarsi. Il potere, che è servizio, deve passare di mano i mano e mai fermarsi sempre nelle stesse mani o negli stessi gruppi e circoli chiusi. 

15.Il profitto mondano degli esibizionismi. La cura consiste nel conservare nel proprio cuore le confidenze e le conoscenze degli altri, senza vantarsi di sapere tutto e di potere tutto. 

Ed aggiunge una cosa molto importante che riguarda tutti i sacerdoti e tutti i consacrati. “Una volta ho letto che i sacerdoti sono come gli aerei: fanno notizia solo quando cadono, ma ce ne sono tanti che volano. Molti criticano e pochi pregano per loro. Quanto male potrebbe causare un solo sacerdote che “cade” a tutto il corpo della Chiesa”.  

LE CURE DI PAPA FRANCESCO SUGGERITE

AI DIPENDENTI DELLO STATO DELLA CITTA’ DEL VATICANO.

 •curare la vostra vita spirituale, il vostro rapporto con Dio, perché questa è la colonna vertebrale di tutto ciò che facciamo e di tutto ciò che siamo. Un cristiano che non si nutre con la preghiera, i Sacramenti e la Parola di Dio, inevitabilmente appassisce e si secca. Curare la vita spirituale; 

•curare la vostra vita famigliare, dando ai vostri figli e ai vostri cari non solo denaro, ma soprattutto tempo, attenzione e amore; 

•curare i vostri rapporti con gli altri, trasformando la fede in vita e le parole in opere buone, specialmente verso i più bisognosi;  

•curare il vostro parlare, purificando la lingua dalle parole offensive, dalle volgarità e dal frasario di decadenza mondana; 

•curare le ferite del cuore con l’olio del perdono, perdonando le persone che ci hanno ferito e medicando le ferite che abbiamo procurato agli altri; 

•curare il vostro lavoro, compiendolo con entusiasmo, con umiltà, con competenza, con passione, con animo che sa ringraziare il Signore;  

•curarsi dall’invidia, dalla concupiscenza, dall’odio e dai sentimenti negativi che divorano la nostra pace interiore e ci trasformano in persone distrutte e distruttive;

•curarsi dal rancore che ci porta alla vendetta, e dalla pigrizia che ci porta all’eutanasia esistenziale, dal puntare il dito che ci porta alla superbia, e dal lamentarsi continuamente che ci porta alla disperazione. Io so che alcune volte, per conservare il lavoro, si sparla di qualcuno, per difendersi. Io capisco queste situazioni, ma la strada non finisce bene. Alla fine saremo tutti distrutti tra noi, e questo no, non serve. Piuttosto, chiedere al Signore la saggezza di saper mordersi la lingua a tempo, per non dire parole ingiuriose, che dopo ti lasciano la bocca amara; 

•curare i fratelli deboli: ho visto tanti begli esempi tra di voi, in questo, e vi ringrazio, complimenti! Cioè, curare gli anziani, i malati, gli affamati, i senzatetto e gli stranieri perché su questo saremo giudicati;  

•curare che il Santo Natale non sia mai una festa del consumismo commerciale, dell’apparenza o dei regali inutili, oppure degli sprechi superflui, ma che sia la festa della gioia di accogliere il Signore nel presepe e nel cuore. 

LA TERAPIA DI PAPA FRANCESCO CONTRO LE MALATTIE DELLA CHIESAultima modifica: 2014-12-23T15:26:31+01:00da pace2005
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento