estate

Luzzano (Bn). Nel nome della fede i festeggiamenti in onore di Sant’Antonio

COMUNICATO STAMPA

Luzzano (Bn). Festeggiamenti in onore di Sant’Antonio di Padova per preparare l’anno della fede

E’ dedicata alla preparazione all’apertura dell’anno della fede il solenne novenario di predicazione in onore di Sant’Antonio di Padova, in svolgimento a Luzzano (Bn), nella Diocesi di Cerreto – Telese-Sant’Agata dei Goti. Come è tradizione la festa in onore del Santo Protettore di Luzzano è celebrata dal 15 al 25 agosto di ogni anno nella Parrocchia San Nicola Magno, con una preparazione spirituale e pastorale specifica. Il parroco, don Rocco Abbatiello, insieme al consiglio pastorale parrocchiale ed al comitato dei festeggiamenti ha voluto dedicare la preparazione alla festa patronale all’anno della fede, scegliendo come tematica della catechesi il “Credo”, quale simbolo apostolico per riflettere sui contenuti essenziali della fede, da accogliere, conservare e trasmettere con fedeltà. A tenere le riflessioni e le meditazioni serali alle ore 20,30 durante la celebrazione eucaristica è padre Antonio Rungi, religioso passionista, originario di Airola (Bn).

La fede come è trasmessa dalla Chiesa e la fede come è stata presentata dal grande santo e predicatore, dottore della Chiesa, Sant’Antonio di Padova. Temi portanti delle catechesi sono: la fede biblica, la fede liturgica, la dogmatica, la cristologia, l’ ecclesiologia, la mistica e la spiritualità, la morale, la carità e le virtù teologali nel santo di Padova. Un corso completo e intensivo di catechesi sulla fede e sulla presentazione della fede, in un contesto diverso, ma sostanzialmente uguale, sulla predicazione, gli scritti e gli insegnamenti del grande figlio spirituale di Francesco d’Assisi, definito dallo stesso Poverello “mio Vescovo” per la sapienza che portava in sé e comunicava agli altri con la vita, la predicazione e l’insegnamento dottrinale, difendendo la fede dagli attacchi degli eretici del tempo.

Molto sentita e partecipata è la celebrazione eucaristica che normalmente si tiene nel cimitero della città e alla quale partecipa praticamente l’intero paese. Tale celebrazione è in programma per domani sera, domenica 19 agosto, con pellegrinaggio a piedi di tutti i fedeli dalla chiesa parrocchiale al camposanto, con inizio alle ore 18.00, quale espressione del cammino di fede di ogni credente verso l’eternità.

Nei prossimi giorni, padre Rungi, visiterà gli ammalati, portando loro il conforto dei sacramenti della vita cristiana.

Giovedì, 23 agosto, sarà il Vescovo di Cerreto, monsignor Michele De Rosa a presiedere alle ore 10,30 la solenne eucaristia in onore di Sant’Antonio, durante la quale diversi giovani della cittadina e del territorio riceveranno il sacramento della Cresima, come impegno personale ed ecclesiale a testimoniare la fede nel mondo d’oggi sull’esempio di Sant’Antonio di Padova.

Altri significativi momenti dell’intero ciclo di festeggiamenti saranno animati dall’Unitalsi, in particolare la santa messa per tutti gli ammalati e sofferenti del territorio, in programma venerdì 24 agosto alle ore 11.00.

La solenne processione con l’artistica e pregiata statua in onore del Santo di Padova si svolgerà venerdì 24 agosto con inizio alle ore 17.00 e interesserà tutto il Paese.

La festa in onore di Sant’Antonio di Padova è anche occasione per tantissimi luzzanesi sparsi in Italia e all’estero per motivi di lavoro di fare rientro nella città d’origine e rivivere la propria fede, ricevuta dai genitori e che è stata poi curata personalmente nella vita. In questa formazione alla vita di fede un ruolo importante per tutti i luzzanesi è la devozione a Sant’Antonio, molto venerato e rispettato in questa cittadina. Per l’intero anno, il comitato prepara la festa in onore del Santo che oltre all’aspetto religioso ha altri significativi momenti di gioia, fraternità, animazione umana e sociale.

Nei giorni 19-21 agosto si svolgerà il “Canta Bambini”, un mini-festival, tipo Zecchino d’Oro promosso dall’Antoniano di Bologna, che vede esibirsi sul palco i bambini del territorio con regolare premiazione dei più dotati vocalmente. E, infatti, l’Azione cattolica parrocchiale insieme al comitato festeggiamenti ad organizzare la Manifestazione canora che quest’anno ha raggiunto la XXII Edizione.

Musica lirica, musica leggera e spettacoli pirotecnici (tre fuochisti in gara quest’anno, sabato 25 agosto alle ore 0,30) di rara bellezza coronano la festa in onore del Santo Patrono di Luzzano, cuore e centro della vita cristiana di ogni luzzanese che vive in paese o sta lontano dai luoghi natii, forti del motto antoniano “Ama Dio, ama il prossimo: sarai sereno”.

Vedere il Paradiso/9. Cercate le cose di lassù

STATUA_MADONNA_ASSUNTA.jpgHO VISTO IL PARADISO/9

 

“CERCATE LE COSE DI LASSU’”

 

di padre Antonio Rungi

 

La vita umana è una continua ricerca delle piccole cose o delle grandi cose, della propria realizzazione e soddisfazione, dei propri sogni. E’ soprattutto ricerca dell’Assoluto, di Dio. C’è chi questa esigenza di cercare Dio non l’avverte nella sua vita e chi la sente indispensabile, essenziale per se stessi e per gli altri. Nella misura in cui infatti diamo senso alle nostra vita nella prospettiva dell’eternità, acquista significato e valore ogni cosa di questo mondo. Cercate le cose di lassù è un esplicito invito dell’apostolo Paolo a noi cristiani, spesso distratti a cercare troppo le cose di quaggiù, dimentichi che c’è qualcosa di più importante da cercare con cuore sincero e instancabilmente.

Una delle lettere encicliche più importanti da un punto di vista di riflessione è la Fides et Ratio del Beato Giovanni Paolo II. In essa troviamo significativi spunti di approfondimento su questa necessità di cercare ed incontrare Dio nella verità della ragione e nella verità di fede, perché l’una e l’altra sono due ali per sostenere il volo di ogni essere umano verso le cose che contano davvero, quelle eterne, quelle misteriose, che misteriose non sono più in quanto Gesù Cristo, Figlio di Dio, ce le ha rivelate tutte. Ecco perché la necessità di far ricorso all’altra ala della verità che è la fede, capace di svelare ciò che la ragione non riesce a spiegare in nessun modo.

“La fede e la ragione sono come le due ali con le quali lo spirito umano s’innalza verso la contemplazione della verità. E Dio ad aver posto nel cuore dell’uomo il desiderio di conoscere la verità e, in definitiva, di conoscere Lui perché, conoscendolo e amandolo, possa giungere anche alla piena verità su se stesso (cfr Es 33, 18; Sal 27 [26], 8-9; 63 [62], 2-3; Gv 14, 8; 1 Gv 3, 2). (FeR, 1).

“Racconta l’evangelista Luca negli Atti degli Apostoli che, durante i suoi viaggi missionari, Paolo arrivò ad Atene. La città dei filosofi era ricolma di statue rappresentanti diversi idoli. Un altare colpì la sua attenzione ed egli ne trasse prontamente lo spunto per individuare una base comune su cui avviare l’annuncio del kerigma: « Cittadini ateniesi, — disse — vedo che in tutto siete molto timorati degli dei. Passando, infatti, e osservando i monumenti del vostro culto, ho trovato anche un’ara con l’iscrizione: Al Dio ignoto. Quello che voi adorate senza conoscere, io ve lo annunzio » (At 17, 22-23). A partire da qui, san Paolo parla di Dio come creatore, come di Colui che trascende ogni cosa e che a tutto dà vita. Continua poi il suo discorso così: « Egli creò da uno solo tutte le nazioni degli uomini, perché abitassero su tutta la faccia della terra. Per essi ha stabilito l’ordine dei tempi e i confini del loro spazio, perché cercassero Dio, se mai arrivino a trovarlo andando come a tentoni, benché non sia lontano da ciascuno di noi » (At 17, 26-27). L’Apostolo mette in luce una verità di cui la Chiesa ha sempre fatto tesoro: nel più profondo del cuore dell’uomo è seminato il desiderio e la nostalgia di Dio. Lo ricorda con forza anche la liturgia del Venerdì Santo quando, invitando a pregare per quanti non credono, ci fa dire: « O Dio onnipotente ed eterno, tu hai messo nel cuore degli uomini una così profonda nostalgia di te, che solo quando ti trovano hanno pace ».(22) Esiste quindi un cammino che l’uomo, se vuole, può percorrere; esso prende il via dalla capacità della ragione di innalzarsi al di sopra del contingente per spaziare verso l’infinito. (FeR, 24).

Il testo della lettera ai Colossesi di Paolo, cap.3, ci dà i parametri essenziali di questa ricerca della cose di lassù, cioè del cielo e dell’eternità.

1 Se dunque siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova Cristo assiso alla destra di Dio; 2 pensate alle cose di lassù, non a quelle della terra. 3 Voi infatti siete morti e la vostra vita è ormai nascosta con Cristo in Dio! 4 Quando si manifesterà Cristo, la vostra vita, allora anche voi sarete manifestati con lui nella gloria. 5 Mortificate dunque quella parte di voi che appartiene alla terra: fornicazione, impurità, passioni, desideri cattivi e quella avarizia insaziabile che è idolatria, 6 cose tutte che attirano l’ira di Dio su coloro che disobbediscono. 7 Anche voi un tempo eravate così, quando la vostra vita era immersa in questi vizi. 8 Ora invece deponete anche voi tutte queste cose: ira, passione, malizia, maldicenze e parole oscene dalla vostra bocca. 9 Non mentitevi gli uni gli altri. Vi siete infatti spogliati dell’uomo vecchio con le sue azioni 10 e avete rivestito il nuovo, che si rinnova, per una piena conoscenza, ad immagine del suo Creatore. 11 Qui non c’è più Greco o Giudeo, circoncisione o incirconcisione, barbaro o Scita, schiavo o libero, ma Cristo è tutto in tutti. 12 Rivestitevi dunque, come amati di Dio, santi e diletti, di sentimenti di misericordia, di bontà, di umiltà, di mansuetudine, di pazienza; 13 sopportandovi a vicenda e perdonandovi scambievolmente, se qualcuno abbia di che lamentarsi nei riguardi degli altri. Come il Signore vi ha perdonato, così fate anche voi. 14 Al di sopra di tutto poi vi sia la carità, che è il vincolo di perfezione. 15 E la pace di Cristo regni nei vostri cuori, perché ad essa siete stati chiamati in un solo corpo. E siate riconoscenti!  16 La parola di Cristo dimori tra voi abbondantemente; ammaestratevi e ammonitevi con ogni sapienza, cantando a Dio di cuore e con gratitudine salmi, inni e cantici spirituali. 17 E tutto quello che fate in parole ed opere, tutto si compia nel nome del Signore Gesù, rendendo per mezzo di lui grazie a Dio Padre.  18 Voi, mogli, state sottomesse ai mariti, come si conviene nel Signore. 19 Voi, mariti, amate le vostre mogli e non inaspritevi con esse. 20 Voi, figli, obbedite ai genitori in tutto; ciò è gradito al Signore. 21 Voi, padri, non esasperate i vostri figli, perché non si scoraggino. 22 Voi, servi, siate docili in tutto con i vostri padroni terreni; non servendo solo quando vi vedono, come si fa per piacere agli uomini, ma con cuore semplice e nel timore del Signore. 23 Qualunque cosa facciate, fatela di cuore come per il Signore e non per gli uomini, 24 sapendo che come ricompensa riceverete dal Signore l’eredità. Servite a Cristo Signore. 25 Chi commette ingiustizia infatti subirà le conseguenze del torto commesso, e non v’è parzialità per nessuno.

Commentando le parole della lettera ai Colossesi il brano che normalmente è inserito nella liturgia della parola della domenica di Pasqua, Papa Benedetto XVI  afferma che esse “ci invitano ad elevare lo sguardo alle realtà celesti. Infatti, con l’espressione «le cose di lassù» san Paolo intende il Cielo, poiché aggiunge: «dove si trova Cristo assiso alla destra di Dio». L’Apostolo intende riferirsi alla condizione dei credenti, di coloro che sono «morti» al peccato e la cui vita «è ormai nascosta con Cristo in Dio». Essi sono chiamati a vivere quotidianamente nella signoria di Cristo, principio e compimento di ogni loro azione, testimoniando la vita nuova che è stata loro donata nel Battesimo. Questo rinnovamento in Cristo avviene nell’intimo della persona: mentre continua la lotta contro il peccato, è possibile progredire nella virtù, cercando di dare una risposta piena e pronta alla Grazia di Dio. Per antitesi, l’Apostolo segnala poi «le cose della terra», evidenziando così che la vita in Cristo comporta una «scelta di campo», una radicale rinuncia a tutto ciò che – come zavorra – tiene l’uomo legato alla terra, corrompendo la sua anima. La ricerca delle «cose di lassù» non vuol dire che il cristiano debba trascurare i propri obblighi e compiti terreni, soltanto non deve smarrirsi in essi, come se avessero un valore definitivo. Il richiamo alle realtà del Cielo è un invito a riconoscere la relatività di ciò che è destinato a passare, a fronte di quei valori che non conoscono l’usura del tempo. Si tratta di lavorare, di impegnarsi, di concedersi il giusto riposo, ma col sereno distacco di chi sa di essere solo un viandante in cammino verso la Patria celeste; un pellegrino; in un certo senso, uno straniero verso l’eternità. La vita eterna ci è stata aperta dal Mistero Pasquale di Cristo e la fede è la via per raggiungerla.

Solo chi ha una fede profonda cerca davvero le cose di lassù, oltre l’azzurro del cielo, oltre l’universo infinito e perfetto. Perché sa che le cose di lassù danno gioia anche quaggiù, perché le cose di lassù non bisogna solo attenderle, ma bisogna anticiparle nel tempo. Bisogna vivere con la testa in cielo e con i piedi per terra e i piedi nel loro camminare devono sempre portare all’eternità. Non c’è altra possibilità per rendere felice il cuore dell’uomo fin da questo mondo e in questo mondo.

Dal Libro Primo delle Confessioni di Sant’Agostino leggiamo testualmente: “1Tu sei grande, Signore, e ben degno di lode; grande è la tua virtù, e la tua sapienza incalcolabile. E l’uomo vuole lodarti, una particella del tuo creato, che si porta attorno il suo destino mortale, che si porta attorno la prova del suo peccato e la prova che tu resisti ai superbi. Eppure l’uomo, una particella del tuo creato, vuole lodarti. Sei tu che lo stimoli a dilettarsi delle tue lodi, perché ci hai fatti per te, e il nostro cuore non ha posa finché non riposa in te. Concedimi, Signore, di conoscere e capire se si deve prima invocarti o lodarti, prima conoscere oppure invocare. Ma come potrebbe invocarti chi non ti conosce? Per ignoranza potrebbe invocare questo per quello. Dunque ti si deve piuttosto invocare per conoscere? Ma come invocheranno colui, in cui non credettero? E come credere, se prima nessuno dà l’annunzio?. Loderanno il Signore coloro che lo cercano4, perché cercandolo lo trovano, e trovandolo lo loderanno. Che io ti cerchi, Signore, invocandoti, e t’invochi credendoti, perché il tuo annunzio ci è giunto. T’invoca, Signore, la mia fede, che mi hai dato e ispirato mediante il tuo Figlio fatto uomo, mediante l’opera del tuo Annunziatore.2. Ma come invocare il mio Dio, il Dio mio Signore? Invocarlo sarà comunque invitarlo dentro di me; ma esiste dentro di me un luogo, ove il mio Dio possa venire dentro di me, ove possa venire dentro di me Dio, Dio, che creò il cielo e la terra5? C’è davvero dentro di me, Signore Dio mio, qualcosa capace di comprenderti? Ti comprendono forse il cielo e la terra, che hai creato e in cui mi hai creato? Oppure, poiché senza di te nulla esisterebbe di quanto esiste, avviene che quanto esiste ti comprende? E poiché anch’io esisto così, a che chiederti di venire dentro di me, mentre io non sarei, se tu non fossi in me? Non sono ancora nelle profondità degli inferi, sebbene tu sei anche là, e quando pure sarò disceso all’inferno, tu sei là6. Dunque io non sarei, Dio mio, non sarei affatto, se tu non fossi in me; o meglio, non sarei, se non fossi in te, poiché tutto da te, tutto per te, tutto in te7. Sì, è così, Signore, è così. Dove dunque t’invoco, se sono in te? Da dove verresti in me? Dove mi ritrarrei, fuori dal cielo e dalla terra, perché di là venga in me il mio Dio, che disse: “Cielo e terra io colmo”? 3. Ma cielo e terra ti comprendono forse, perché tu li colmi? o tu li colmi, e ancora sopravanza una parte di te, perché non ti comprendono? E dove riversi questa parte che sopravanza di te, dopo aver colmato il cielo e la terra? O non piuttosto nulla ti occorre che ti contenga, tu che tutto contieni, poiché ciò che colmi, contenendo lo colmi? Davvero non sono i vasi colmi di te a renderti stabile. Neppure se si spezzassero, tu ti spanderesti; quando tu ti spandi su di noi, non tu ti abbassi, ma noi elevi, non tu ti disperdi, ma noi raduni. Però nel colmare, che fai, ogni essere, con tutto il tuo essere lo colmi. E dunque, se tutti gli esseri dell’universo non riescono a comprendere tutto il tuo essere, comprendono di te una sola parte, e la medesima parte tutti assieme? oppure i singoli esseri comprendono una singola parte, maggiore i maggiori, minore i minori? Dunque, esisterebbero parti di te maggiori, altre minori? o piuttosto tu sei intero dappertutto, e nessuna cosa ti comprende per intero? 4. Cosa sei dunque, Dio mio? Cos’altro, di grazia, se non il Signore Dio? Chi è invero signore all’infuori del Signore, chi Dio all’infuori del nostro Dio?. O sommo, ottimo, potentissimo, onnipotentissimo, misericordiosissimo e giustissimo, remotissimo e presentissimo, bellissimo e fortissimo, stabile e inafferrabile, immutabile che tutto muti, mai nuovo mai decrepito, rinnovatore di ogni cosa, che a loro insaputa porti i superbi alla decrepitezza; sempre attivo sempre quieto, che raccogli senza bisogno; che porti e riempi e serbi, che crei e nutri e maturi, che cerchi mentre nulla ti manca. Ami ma senza smaniare, sei geloso e tranquillo, ti penti ma senza soffrire, ti adiri e sei calmo, muti le opere ma non il disegno, ricuperi quanto trovi e mai perdesti; mai indigente, godi dei guadagni; mai avaro, esigi gli interessi; ti si presta per averti debitore, ma chi ha qualcosa, che non sia tua? Paghi i debiti senza dovere a nessuno, li condoni senza perdere nulla. Che ho mai detto, Dio mio, vita mia, dolcezza mia santa? Che dice mai chi parla di te? Eppure sventurati coloro che tacciono di te, poiché sono muti ciarlieri. 5. Chi mi farà riposare in te, chi ti farà venire nel mio cuore a inebriarlo? Allora dimenticherei i miei mali, e il mio unico bene abbraccerei: te. Cosa sei per me? Abbi misericordia, affinché io parli. E cosa sono io stesso per te, perché tu mi comandi di amarti e ti adiri verso di me e minacci, se non ubbidisco, gravi sventure, quasi fosse una sventura lieve l’assenza stessa di amore per te? Oh, dimmi, per la tua misericordia, Signore Dio mio, cosa sei per me. Di’ all’anima mia: la salvezza tua io sono11. Dillo, che io l’oda. Ecco, le orecchie del mio cuore stanno davanti alla tua bocca, Signore. Aprile e di’ all’anima mia: la salvezza tua io sono. Rincorrendo questa voce io ti raggiungerò, e tu non celarmi il tuo volto. Che io muoia per non morire, per vederlo. 6. Angusta è la casa della mia anima perché tu possa entrarvi: allargala dunque; è in rovina: restaurala; alcune cose contiene, che possono offendere la tua vista, lo ammetto e ne sono consapevole: ma chi potrà purificarla, a chi griderò, se non a te: “Purificami, Signore, dalle mie brutture ignote a me stesso, risparmia al tuo servo le brutture degli altri”? Credo, perciò anche parlo. Signore, tu sai: non ti ho parlato contro di me dei miei delitti, Dio mio, e tu non hai assolto la malvagità del mio cuore? Non disputo con te, che sei la verità, e io non voglio ingannare me stesso, nel timore che la mia iniquità s’inganni. Quindi non disputo con te, perché, se ti porrai a considerare le colpe, Signore, Signore, chi reggerà?.

Vedere il Paradiso/8. Volare in cielo

 aereidilinea.jpgHO VISTO IL PARADISO/8

di padre Antonio Rungi

VOLARE IN CIELO

Quando il cielo è terso, i rumori della terra sono silenti, guardando in cielo si scorge il viaggiare di aeroplani, carichi di esseri umani, ma anche di altre cose necessarie o meno alla vita dell’uomo sulla terra. Si dice che gli aerei volano e che ogni corsa di aereo si chiama appunto volo. Si vola in cielo, pur vivendo sulla terra, ci si sposta da un capo all’altro della terra con i voli di ogni genere, da quelli nazionali, a quelli internazionali ed intercontinentali, ai voli charters o ai voli last minute. Tutto serve per spostare milioni di persone al giorno su tutti i paralleli e longitudini del globo terrestre. Questi voli per quanti preoccupanti e a volte sembrano interminabili, prima o poi arrivano a destinazione. E come si decolla così si spera di atterrare e fare anche un buon atterraggio.

Chi ha preso l’aereo come me tante volte, soprattutto sulle lunghe distanze, la preoccupazione è stata grande e quando si giungeva a destinazione la soddisfazione era immensa quando l’aereo toccava terra e l’applauso sgorgava spontaneo da parte dei passeggeri verso il comandante e l’equipaggio. Quando invece per varie turbolenze l’aereo ritardava ad atterrare la preoccupazione si faceva grande e allora alla solita paura, si aggiungeva anche il timore della fine. Ti ripassavi tutto quello che la hostess aveva detto appena saliti sull’aereo in caso di ammaraggio o atterraggio con tutti le attrezzature da indossare in poco tempo e pensavi come farcela e poi alla fine cosa sarebbe successo. Non c’è nessun passeggero al mondo che soprattutto alle prime esperienze non pensi che potrebbe essere la fine. Perché cadere da 12.000 metri d’altezza certo non è il massimo della sicurezza e dello stare sereni. E allora pensi a tante cose, compreso alla morte. E allora il volare nei cieli con l’aereo diventa motivo per pensare al volare per sempre in cielo, al definitivo ed ultimo destino, che non è l’aeroporto di arrivo, ma l’eternità di Dio, la Gerusalemme celeste e non la Terra Santa, per un pellegrinaggio di devozione e di studio.

Chi ci fa pensare al cielo oltre il cielo è Gesù stesso con il mistero della sua risurrezione e ascensione al cielo. Ma ci fa pensare anche al cielo è il dogma dell’assunzione in corpo ed anima della Beata Vergine Maria, Madre di Dio e della chiesa.

Rileggiamo il brano degli Atti degli Apostoli (, 4,4-14) relativo all’ascensione: “4Mentre si trovava a tavola con essi, ordinò loro di non allontanarsi da Gerusalemme, ma di attendere che si adempisse la promessa del Padre «quella, disse, che voi avete udito da me: 5 Giovanni ha battezzato con acqua, voi invece sarete battezzati in Spirito Santo, fra non molti giorni».6 Così venutisi a trovare insieme gli domandarono: «Signore, è questo il tempo in cui ricostituirai il regno di Israele?». 7 Ma egli rispose: «Non spetta a voi conoscere i tempi e i momenti che il Padre ha riservato alla sua scelta, 8 ma avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria e fino agli estremi confini della terra».9 Detto questo, fu elevato in alto sotto i loro occhi e una nube lo sottrasse al loro sguardo. 10 E poiché essi stavano fissando il cielo mentre egli se n’andava, ecco due uomini in bianche vesti si presentarono a loro e dissero: 11 «Uomini di Galilea, perché state a guardare il cielo? Questo Gesù, che è stato di tra voi assunto fino al cielo, tornerà un giorno allo stesso modo in cui l’avete visto andare in cielo».12 Allora ritornarono a Gerusalemme dal monte detto degli Ulivi, che è vicino a Gerusalemme quanto il cammino permesso in un sabato. 13 Entrati in città salirono al piano superiore dove abitavano. C’erano Pietro e Giovanni, Giacomo e Andrea, Filippo e Tommaso, Bartolomeo e Matteo, Giacomo di Alfeo e Simone lo Zelòta e Giuda di Giacomo. 14 Tutti questi erano assidui e concordi nella preghiera, insieme con alcune donne e con Maria, la madre di Gesù e con i fratelli di lui.

Approfondiamo il testo ufficiale della proclamazione del dogma dell’Assunzione di Maria Vergine al cielo, secondo quanto formulato e pronunciato da Papa Pio XII nel 1950, il primo novembre, solennità di Tutti i santi, dopo aver consultato l’episcopato mondiale ed avuto il parere favorevole al riguardo.

«Pertanto, dopo avere innalzato ancora a Dio supplici istanze, e avere invocato la luce dello Spirito di Verità, a gloria di Dio onnipotente, che ha riversato in Maria vergine la sua speciale benevolenza a onore del suo Figlio, Re immortale dei secoli e vincitore del peccato e della morte, a maggior gloria della sua augusta Madre e a gioia ed esultanza di tutta la chiesa, per l’autorità di nostro Signore Gesù Cristo, dei santi apostoli Pietro e Paolo e Nostra, pronunziamo, dichiariamo e definiamo essere dogma da Dio rivelato che: l’immacolata Madre di Dio sempre vergine Maria, terminato il corso della vita terrena, fu assunta alla gloria celeste in anima e corpo».  Perciò, se alcuno, che Dio non voglia, osasse negare o porre in dubbio volontariamente ciò che da Noi è stato definito, sappia che è venuto meno alla fede divina e cattolica”.

Sia l’ascensione che l’assunzione sono due misteri del Santo Rosario detti della gioia. E noi come credenti siamo uomini e donne della gioia sapendo che la nostra patria è nei cieli, dove stanno ad attenderci la SS.Trinità, la Madonna e tutti i beati del Paradiso.

Il cielo dove volano migliaia di aerei ogni giorno portando con il carico umano e il carico di tante cose utili ed inutili anche per il cielo ci faccia comprende che volare, ascendere al cielo, salire al cielo, significano tante cose, con diversa accentuazione, in base alla prospettiva dalla quale ci si mette per un “volo” che sia davvero carico di significato eterno. Andiamo sempre più in alto, fino a toccare Marte, ma il cielo vero resta oltre i confini dell’universo. Quell’universo così bello ed ordinato che ci rimanda a Dio creatore e Padre e che ci attende oltre gli infiniti cieli che sorvoliamo con gli aerei e non sempre per portare pace, ma a volte per portare la guerra, per uccidere, bombardare, distruggere la vita e le cose di questa infelice terra, che è incapace di volare sempre più in alto nel vero senso della felicità. Magari potessimo tutti salire al settimo cielo se non  altro per vedere il Paradiso e incontrare Dio nella felicità senza fine. Questi voli sì che fanno sognare davvero e danno la felicità vera.

Vedere il Paradiso/7. L’obolo della vedova.

 

obolo.jpgHO VISTO IL PARADISO/7 

di padre Antonio Rungi 

L’OBOLO DELLA VEDOVA 

La ricchezza non è sempre sinonimo di paradiso, benessere. Molte volte può significare inferno, ansia, preoccupazione, infelicità. Non è infatti il denaro a rendere felice il cuore dell’uomo, ma la generosità nel donare, la gioia di cedere agli altri non solo il superfluo, ma l’essenziale. E allora spesso capita che la felicità sta in quei cuori che pure avendo poco o nulla da dare materialmente ed economicamente agli altri, sanno dare con tanto affetto e generosità, con tanto trasporto che anche un bicchiere d’acqua diventa un dono e un regalo immenso, senza valore, in quanto le cose fatte con il cuore contano molto di più di quelle fatte con le casse sicure di chi possiede molto economicamente e si può permettere di dare l’eccedenza, ma mai l’essenziale. 

Esemplare al riguardo è il comportamento della donna del vangelo che andando al tempio di Gerusalemme dona quello che aveva di indispensabile per sé; mentre i ricchi danno poco o niente, se non ciò che non serve a loro. Gesù osserva questo comportamento, registra ogni atteggiamento e siccome era ed è Figlio di Dio e legge nel cuore di ogni persona, sapeva benissimo chi donava con amore e l’essenziale e chi dava solo per formalità, senza cuore e il superfluo. 

Il paradiso sta nel cuore di questa persona che getta nella cassa del tempio per le esigenze varie del luogo di culto ciò che per lei è essenziale. Sa di donare tutto ciò che ha al Signore, con un gesto di rinuncia che solo chi ama davvero ed è profondamente generoso ed aperto agli altri sa fare nelle piccoli o grandi circostanze della vita. Che grande gioia ha provato questa donna nel dire “Signore tutto quello che ho, te lo dono. Non penso a mangiare, non penso a mettere da parte qualcosa che mi potrà servire un domani. Rinuncio a tutto perché so che tu sei il vero bene e certamente non farai mancare il tuo aiuto e sostegno ai tuoi figli in qualsiasi momento, essendo un Dio provvidente. 

Anche i ricchi piangono era una telenovela di qualche anno fa che interessava a molti italiani, che si appiccicavano alla Tv per seguire tutte le vicende e lo sviluppo delle storie incrociate con altri fatti. Oggi rispetto allo sceneggiato continuano a piangere i poveri, dopo la crisi economica. I ricchi continuano a non soffrire, mentre i poveri soffrono di tutto e di può per la mancanza del necessario. E solo da loro molte volte ti arriva l’aiuto inatteso, perché tra i poveri ci si intende e ci si aiuta, mentre tra i ricchi si fanno accordi per utili sempre maggiori a danno dei poveri e dei lavoratori. E’ difficile trovare un ricco davvero generoso, in quanto la ricchezza modifica in negativo il cuore. D’altra parte lo dice il vangelo: dove è la ricchezza, là sarà il tuo cuore. Si vive per i soldi, per accumulare, per vivere solo di cose materiali. In questo modo si svuota il cuore e l’esistenza dei giovani, degli adulti e degli stessi anziani che dovrebbero dare buon esempio al riguardo. 

Il fatto più significato di tutto il brano evangelico è che la donna che gettò l’obolo nel tesoro del tempo era una vedova, cioè una persona che da un punto di vista economico non aveva praticamente nulla. Non avendo marito non poteva avere neppure per sostegno economico che oggi viene garantito alle vedevo, quando il marito ha uno stipendio o una pensione. E poi le vedove del vangelo e nel vangelo erano persone socialmente in disagio e quando c’erano i figli si trovano in doppio disagio, anche quello familiare. Da qui l’attenzione privilegiata da un punto di vista assistenziale da parte della prima comunità di Gerusalemme verso gli orfani e le vedove, curate dai diaconi che erano addetti alla distribuzione degli aiuti secondo i bisogni di ciascuno e in base a quanto veniva deposto ai piedi degli apostoli, come ci ricordano gli Atti. 

Non possiamo chiudere questa riflessione senza riportare quei pochi significativi versi del Vangelo di Marco (12,41-44) in cui l’evangelista evidenzia l’attenta analisi e valutazione del Maestro di fronte a quanti buttavano monete nel tesoro del tempio di Gerusalemme: “41 E sedutosi di fronte al tesoro, osservava come la folla gettava monete nel tesoro. E tanti ricchi ne gettavano molte. 42 Ma venuta una povera vedova vi gettò due spiccioli, cioè un quattrino. 43 Allora, chiamati a sé i discepoli, disse loro: «In verità vi dico: questa vedova ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri. 44 Poiché tutti hanno dato del loro superfluo, essa invece, nella sua povertà, vi ha messo tutto quello che aveva, tutto quanto aveva per vivere».  

L’analogia con certi pseudo cristiani del nostro tempo che non fanno bene a nessun e se fanno qualche offerta la fanno per essere ammirati ed apprezzati ci insegna come e cosa conta davanti a Dio: non certo la ricchezza o l’esposizione in pubblico del bene fatto, ma la riservatezza, la generosità, ma soprattutto il cuore e la capacità di togliersi dalla bocca l’essenziale per se stessi per donarlo a Dio e agli altri. L’obolo della vedova del Vangelo può diventare l’obolo di San Pietro, che si raccoglie ogni anni in occasione della giornata della carità del Papa, in coincidenza con la solennità dei Santi Pietro e Palo (29 giugno) per essere distribuito in base alle necessità di poveri di tutta la terra. Quel piccolo sacrificio che ognuno può fare per aiutare gli altri è gradito a Dio ed un valore per il paradiso.

Chissà se Gesù, nel contemplare il gesto della povera vedova che nel versare due spiccioli al Tempio dava tutto quanto possedeva, avrà pensato a Maria e Giuseppe quando nella presentazione del Figlio hanno accompagnato questo momento con l’offerta di due colombe, l’offerta dei poveri. Due azioni distanziate nel tempo, compiute da persone diverse, ma avvenute nello stesso luogo: al Tempio di Gerusalemme, là ove gli scribi amavano passeggiare in vesti da dignitari, essere riveriti dalla gente ed occupare i primi posti nelle sinagoghe. Purtroppo costoro – ed è la decisa e severa accusa di Gesù – «divorano le case delle vedove e ostentano lunghe preghiere: riceveranno una condanna più severa».  Proprio una di quelle povere vedove, sfruttate e maltrattate, è additata da Gesù come esempio di generosità. Nessuno si accorge di quella umile donna, perché i suoi due spiccioli, «tutto quanto aveva per vivere», non vengono segnalati dal sacerdote incaricato per le offerte, tutto intento a far risaltare il forte tintinnio delle monete dei ricchi. Gesù vede e il gesto non passa inosservato, anzi diventa occasione per ribaltare radicalmente il concetto di offerta religiosa. È uno di quei tanti casi del Vangelo ove lo sguardo di Gesù insegna a vedere in modo diverso, ad andare oltre le meschine misure, a cogliere i valori autentici di azioni particolari. I ricchi fanno un’offerta a Dio come contributo legale e lo possono fare con estrema facilità; la vedova dona tutto, perché a lui si affida totalmente; con Dio può rischiare tutto perché sa di ricevere tutto, raggiungendo quella libertà che supera ogni forma di possesso.

Vedere il Paradiso/6. Il buon samaritano

samaritano.jpgHO VISTO IL PARADISO/6

di padre Antonio Rungi

IL SAMARITANO

E’ sempre vero ed attuale che il cielo lo si tocca con un dito davanti a gesti di carità effettiva e sincera. Di fronte ad un gesto di amore, soprattutto verso lo straniero, verso chi non conosci e che ti capita per puro caso sulla tua strada, davanti alla necessità dell’altro non ci sono regole limitanti a livello civile, religiose, culturali e penali per non intervenire. L’esempio del Buon Samaritano di cui ci parla il vangelo, vale soprattutto oggi nel nostro tempo in cui si afferma sempre più l’egoismo, l’interesse personale, l’indifferenza, il fuggire dalle proprie responsabilità, la mancanza di aiuto obbligatoriamente da prestare sulle strade in caso di incidenti con feriti o morti. Il mondo cambia, ma le regole morali di sempre sono valide anche oggi e a tali regole di etica personale, civile e religiose bisogna rifarsi se vogliamo recuperare in umanità, in solidarietà, in progetti globali di aiuto a chi si trova nel bisogno e nella necessità. Ce lo sollecita anche la crisi economica in atto a livello mondiale, che limita di fatto sempre più l’assistenza ai meno abbienti e a quanti sono in gravi necessità. Il paradiso allora quando lo si vede? Quando una persona qualsiasi che si presta ad un aiuto ed un soccorso pur non avendo obblighi diretti o responsabilità civili verso terzi. Penso ad esempio a quei genitori o anziani lasciati soli dai figli e parenti vari con tutte le ricchezze a loro seguito e che abbandonano i loro congiunti in strutture, per quanti efficienti e dotate di tutto, mancano del calore umano e del rapporto costante con le persone care. La solitudine e la tristezza di tanti anziani e ammalati lasciati a se stessa è immensa e solo chi legge il cuore dentro a tale persone conosce la devastazione provocata da parenti o figure varie in chi ha sacrificato la vita per i familiari, per gli amici, per il gruppo. Tristi esperienze umane che poi si colorano dell’azzurro del cielo o delle stelle della notte, quando all’orizzonte sorge una brava persona e si fa carico della sofferenza dell’altro, senza pretendere nulla in cambio, ma dando anche oltre il necessario e il proprio possibile e fattibile. Esempi straordinari di samaritani del nostro tempo, che tanto bene sa fare nel silenzio, senza essere pubblicizzato, senza arrivare sulle testate giornalistiche di tiratura nazionale o mondiale, o ad arrivare sui media di importanza globale. Il bene si sa che non fa rumore, mentre il male oltre a fare rumore interessa ed incuriosisce chi pensa sempre in termini negativi. Di opere buone nessun, o quasi nessuno, parla oggi, mettendo il risalto chi lo fa, a chi lo fa, come lo fa, quando lo fa e perché lo fa. Una lettura delle motivazioni profonde della nostra carità e del servizio disinteressato verso gli altri ci aiuterebbe in quella direzione della solidarietà e dell’attenzione agli altri non solo nella prospettiva del buon samaritano di cui ci parla il vangelo di Luca a noi cristiani e cattolici, ma a tutti gli uomini di buona volontà. Il bene è per tutti e tutti possono fare il bene.

Leggiamo il brano del Vangelo di Luca 10,25-37: “25 Un dottore della legge si alzò per metterlo alla prova: «Maestro, che devo fare per ereditare la vita eterna?». 26 Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Che cosa vi leggi?». 27 Costui rispose: «Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente e il prossimo tuo come te stesso». 28 E Gesù: «Hai risposto bene; fa’ questo e vivrai».29 Ma quegli, volendo giustificarsi, disse a Gesù: «E chi è il mio prossimo?». 30 Gesù riprese: «Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico e incappò nei briganti che lo spogliarono, lo percossero e poi se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. 31 Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e quando lo vide passò oltre dall’altra parte. 32 Anche un levita, giunto in quel luogo, lo vide e passò oltre. 33 Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto lo vide e n’ebbe compassione. 34 Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi, caricatolo sopra il suo giumento, lo portò a una locanda e si prese cura di lui. 35 Il giorno seguente, estrasse due denari e li diede all’albergatore, dicendo: Abbi cura di lui e ciò che spenderai in più, te lo rifonderò al mio ritorno. 36 Chi di questi tre ti sembra sia stato il prossimo di colui che è incappato nei briganti?». 37 Quegli rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va’ e anche tu fa’ lo stesso».

Questa parabola è tra le più conosciute e note del Vangelo, ma forse, è anche tra quelle meno concretamente e costantemente vissuta dai credenti e non. Spesso si predica, si annuncia, si evangelizza in sintonia con quanto leggiamo nelle sacre scritture, ma poi nella vita di tutti i giorni queste regole fondamentali di vita, diventa eroico impegno di qualcuno, mentre la maggior parte degli uomini sembrano essere come diceva Hobbes lupi che si divorano l’uno con l’altro, si sbranano, lottano, non si aiutano. Quante guerre ancora in atto, quante ingiustizie e cattiverie in ogni angolo della terra, quante offese alla dignità della povera gente e della gente povera da parte dei potenti e di quanti hanno in mano il potere a tutti i livelli. L’inferno sta in queste concezioni utilitaristiche dell’uomo, mentre il paradiso lo incontriamo ogni volta che un uomo compie un gesto di carità e di amore verso il suo simile, fosse anche il più delinquente di questa terra o il più ignoto di questo mondo. Se a conclusione delle varie guerre si sono alzati monumenti e stele in memoria al milite ignoto riconoscendo a quanti hanno dato la vita per la patria la loro funzione di impegno civile e militare, perché non alzare nelle nostre città monumenti più grandi per quanti opera per la giustizia, la pace e si impegnano per il bene della collettività? Tante persone ignote che come il buon samaritano percorrono quotidianamente le nostre strade, le corsie di ospedale, le case di cura, le case dove vivono gli anziani e gli ammalati abbandonati per portare l’olio della consolazione e l’aceto della guarigione, nel tentativo di sanare le piaghe e le ferite prodotti in loro dall’egoismo di chi doveva amarli e curarli. E non l’hanno fatto. Ma Dio ci giudicherà in base alla carità Mt. 25,31-46:31Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria con tutti i suoi angeli, si siederà sul trono della sua gloria. 32E saranno riunite davanti a lui tutte le genti, ed egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dai capri, 33e porrà le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra. 34Allora il re dirà a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo. 35Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, 36nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi. 37Allora i giusti gli risponderanno: Signore, quando mai ti abbiamo veduto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, assetato e ti abbiamo dato da bere? 38Quando ti abbiamo visto forestiero e ti abbiamo ospitato, o nudo e ti abbiamo vestito? 39E quando ti abbiamo visto ammalato o in carcere e siamo venuti a visitarti? 40Rispondendo, il re dirà loro: In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me. 41Poi dirà a quelli alla sua sinistra: Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli. 42Perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare; ho avuto sete e non mi avete dato da bere; 43ero forestiero e non mi avete ospitato, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato. 44Anch’essi allora risponderanno: Signore, quando mai ti abbiamo visto affamato o assetato o forestiero o nudo o malato o in carcere e non ti abbiamo assistito? 45Ma egli risponderà: In verità vi dico: ogni volta che non avete fatto queste cose a uno di questi miei fratelli più piccoli, non l’avete fatto a me. 46E se ne andranno, questi al supplizio eterno, e i giusti alla vita eterna».

Ecco il Paradiso che la carità e l’amore verso gli altri fa conquistare senza grandi sforzi ed invenzioni, ma solo facendo parlare il cuore e prestando attenzione a chi trova nel bisogno e non ha nessuno che lo curi e lo sostenga nella sua non facile esistenza.

 

Vedere il paradiso/5. Il sorriso dei bambini

 

profilo.jpgHO VISTO IL PARADISO/5

 

di padre Antonio Rungi

 

IL SORRISO DI UN BAMBINO 

Di fronte al sorriso e alla gioia di una bambino si tocca con mano il Paradiso. L’innocenza, la purezza, la tenerezza, la debolezza e tutto ciò che rende la creatura umana, all’inzio della sua vita biologica debole e fragile ti parla di Dio e del Paradiso. In questo Dio-bambino e in questo Paradiso di bambini bisogna immergersi per capire il vero volto di Dio. 

“In quel tempo, furono portati a Gesù dei bambini perché imponesse loro le mani e pregasse; ma i discepoli li sgridavano. Gesù però disse loro: “Lasciate che i bambini vengano a me, perché di questi è il regno dei cieli”. E dopo avere imposto loro le mani, se ne partì” (Mt 19,13-15). 

Come non ricordare in questo momento quello che disse con profondo accento di santo e profeta, Giovanni XXIII l’11 ottobre 1962 all’apertura del Concilio Vaticano II, di cui quest’anno ricorre il 50 anniversario e in coincidenza di esso sarà aperto l’anno della fede?  

“Cari figlioli, sento le vostre voci. La mia è una sola, ma riassume tutte le voci del mondo; e qui di fatto il mondo è rappresentato. Si direbbe che persino la luna si è affrettata stasera… Osservatela in alto, a guardare questo spettacolo… Noi chiudiamo una grande giornata di pace… Sì, di pace: ‘Gloria a Dio, e pace agli uomini di buona volontà’.  

Se domandassi, se potessi chiedere ora a ciascuno: voi da che parte venite? I figli di Roma, che sono qui specialmente rappresentati, risponderebbero: ah, noi siamo i figli più vicini, e voi siete il nostro vescovo. Ebbene, figlioli di Roma, voi sentite veramente di rappresentare la ‘Roma caput mundi’, la capitale del mondo, così come per disegno della Provvidenza è stata chiamata ad essere attraverso i secoli. 

La mia persona conta niente: è un fratello che parla a voi, un fratello divenuto padre per volontà di Nostro Signore… Continuiamo dunque a volerci bene, a volerci bene così; guardandoci così nell’incontro: cogliere quello che ci unisce, lasciar da parte, se c’è, qualche cosa che ci può tenere un po’ in difficoltà… Tornando a casa, troverete i bambini. Date loro una carezza e dite: “Questa è la carezza del Papa”. Troverete forse qualche lacrima da asciugare. Abbiate per chi soffre una parola di conforto. Sappiano gli afflitti che il Papa è con i suoi figli specie nelle ore della mestizia e dell’amarezza… E poi tutti insieme ci animiamo: cantando, sospirando, piangendo, ma sempre pieni di fiducia nel Cristo che ci aiuta e che ci ascolta, continuiamo a riprendere il nostro cammino. Addio, figlioli. Alla benedizione aggiungo l’augurio della buona notte”.  

Un Papa, Giovanni XXIII, il Papa Buono, già beato, parla della carezza ai bambini, espressione di quell’amore divino verso creature di Dio semplici ed innocenti ed un Papa, quello attuale, Benedetto XVI, denuncia la violenza sui bambini, perpetrata anche da uomini di chiesa, con una terribile malattia da condannare senza appello che è la pedofilia. Due mondi e due realtà completamente diverse, che si sono trasformate nell’arco di 50 anni di storia di questa umanità e di questo secolo. 

Allora si usciva dall’inferno della guerra e si aprivano all’orizzonte possibilità di ricostruzioni. I tempi nuovi erano maturi anche perché la chiesa si riformasse alla luce del vangelo, in cui i piccoli sono i veri padroni del Regno di Dio. Quel vangelo dei piccoli che dobbiamo saper riscoprire oggi, di fronte all’infanzia negata o violata. Basta pensare alla fame nel mondo, alla mancanza di famiglia, istruzione, del necessario ai bambini di tutte le nazioni. Rimane come un offesa di immensità enorme ogni tentativo di rivolgere ai bambini attenzioni che sono contro ogni legge morale, naturale e civile. L’infanzia merita il rispetto totale e chi offende l’infanzia non può avere nessuna tolleranza. 

Nel vangelo di Matteo leggiamo: “ 1In quel momento i discepoli si avvicinarono a Gesù dicendo: «Chi dunque è il più grande nel regno dei cieli?». 2 Allora Gesù chiamò a sé un bambino, lo pose in mezzo a loro e disse: 3 «In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. 4 Perciò chiunque diventerà piccolo come questo bambino, sarà il più grande nel regno dei cieli. 5 E chi accoglie anche uno solo di questi bambini in nome mio, accoglie me. 6 Chi invece scandalizza anche uno solo di questi piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui che gli fosse appesa al collo una macina girata da asino, e fosse gettato negli abissi del mare. 7 Guai al mondo per gli scandali! È inevitabile che avvengano scandali, ma guai all’uomo per colpa del quale avviene lo scandalo!  8 Se la tua mano o il tuo piede ti è occasione di scandalo, taglialo e gettalo via da te; è meglio per te entrare nella vita monco o zoppo, che avere due mani o due piedi ed essere gettato nel fuoco eterno. 9 E se il tuo occhio ti è occasione di scandalo, cavalo e gettalo via da te; è meglio per te entrare nella vita con un occhio solo, che avere due occhi ed essere gettato nella Geenna del fuoco. 10 Guardatevi dal disprezzare uno solo di questi piccoli, perché vi dico che i loro angeli nel cielo vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli”. (Mt 18,1-10).

La gioia di Gesù è grande, quando vede che i bambini, i piccoli, capiscono le cose del Regno che lui annunciava alla gente. “Padre, io ti ringrazio!” (Mt 11,25-26) Gesù riconosce che i piccoli capiscono più dei dottori le cose del Regno! Quando Gesù, entrando nel Tempio, rovescia i tavoli dei cambiavalute, furono i bambini a gridare: “Osanna al Figlio di Davide!” (Mt 21,15). Criticati dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, Gesù li difende e nella sua difesa invoca le Scritture (Mt 21,16). Gesù abbraccia i piccoli e si identifica con loro. Chi accoglie un piccolo, accoglie Gesù (Mc 9, 37). “E ogni volta che avete fatto queste cose a uno di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me (Mt 25,40). Una delle parole più dure di Gesù è contro coloro che sono causa di scandalo per i piccoli, cioè, che sono il motivo per cui i piccoli non credono più in Dio. Per questo, meglio sarebbe per loro legarsi al collo una pietra da molino ed essere gettati nell’abisso del mare (Lc 17,1-2; Mt 18,5-7). Gesù condanna il sistema, sia politico che religioso, che è motivo per cui i piccoli, la gente umile, perde la sua fede in Dio. Gesù chiede ai suoi discepoli di diventare come bambini e di accettare il Regno come i bambini. Senza questo non è possibile entrare nel Regno (Lc 9,46-48). Indica che i bambini sono professori degli adulti. Ciò non era normale. Siamo abituati al contrario. Madri con figli che giungono vicino a Gesù per chiedere la benedizione. Gli apostoli reagiscono e le allontanano. Gesù corregge gli adulti ed accoglie le madri con i bambini. Accoglie i bambini e li abbraccia. “Lasciate che i piccoli vengano a me, non glielo impedite!” (Mc 10,13-16; Mt 19,13-15). Nelle norme dell’epoca, sia le mamme che i figli piccoli, vivevano, praticamente, in uno stato di impurità legale. Gesù non si lascia trascinare da questo. Sono molti i bambini ed i giovani che lui accoglie, cura e risuscita: la figlia di Giairo, di 12 anni (Mc 5,41-42), la figlia della donna Cananea (Mc 7,29-30), il figlio della vedova di Naim (Lc 7,14-15), il bambino epilettico (Mc 9,25-26), il figlio del Centurione (Lc 7,9-10), il figlio del funzionario pubblico (Gv. 4,50), il fanciullo con i cinque pani ed i due pesci (Gv. 6,9). 

Ecco il Paradiso di Gesù in terra, ecco il Paradiso della SS.Trinità in cielo. Chi vive a contatto con i bambini dai genitori, agli insegnanti, ai catechisti, ai parenti e ufficiali vari, ai medici, agli assistenti sociali sanno cosa significa essere dalla parte dei bambini. E’ vero che molte volte bisogna decodificare il linguaggio dei bambini che usa altri parametri di comunicazione e di segnalazione, ma resta un dovere di tutti intercettare la sofferenza di ogni bambino e di tutti i bambini del mondo, perché la sofferenza anche di un solo bambino su questa terra, non rende più felice il mondo ed il paradiso terrestre che è dei bambini, diventa il loro inferno il loro dolore. Ridiamo il paradiso ai bambini e facciamo si che ogni loro sorriso sia davvero espressione del paradiso dei piccoli e dei grandi, perché non ci può essere altro paradiso che quello dei bambini, per i bambini e con i bambini. Un mondo senza la gioia dei piccoli è un mondo destinato a morire nei sogni e nelle prospettive di vita. 

Riflessioni estive. Ho visto il Paradiso

cielo_stellato.jpg

HO VISTO IL PARADISO/3

 

di padre Antonio Rungi

 

CIELI NUOVI E TERRA NUOVA

 

La nostra fede nell’eternità e una fede che guarda oltre gli orizzonti del tempo presente, immaginando un mondo diverso quando si concluderà per sempre la storia di questo universo. E mentre gli uomini gioiscono per i successi che perseguono in campo tecnologico, nella conquista dello spazio, fino a raggiungere con navicelle Marte, in cerca di un segnale di possibili vite oltre quella terrena, la nostra fede ci ricorda costantemente che tutto passerà e nel giudizio finale, nel secondo e definitivo avvento di Cristo tutto sarà trasformato. Il cielo di oggi saranno altri cieli e la terra di oggi sarà una terra nuova e diversa. La trasformazione, il cambiamento, la trasfigurazione del tempo nell’eternità. Ecco i cieli nuovi e la terra nuova dove segnerà per sempre la giustizia e la pace. 

“Alla fine dei tempi, il Regno di Dio giungerà alla sua pienezza. Dopo il Giudizio universale i giusti regneranno per sempre con Cristo, glorificati in corpo e anima, e lo stesso universo sarà rinnovato: Allora la Chiesa. . . avrà il suo compimento. . . nella gloria del cielo, quando verrà il tempo della restaurazione di tutte le cose e quando col genere umano anche tutto il mondo, il quale è intimamente unito con l’uomo e per mezzo di lui arriva al suo fine, sarà perfettamente ricapitolato in Cristo [Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium, 48]. (CCC, 1042). 

Certo, il linguaggio biblico usato per dire esattamente cosa avverrà ci aiuta a capire meglio quello che noi non vedremo, ma che forse vedranno quelli che Dio ha deciso che saranno presenti su questa terra al momento deciso della storia della creazione. 

“Questo misterioso rinnovamento, che trasformerà l’umanità e il mondo, dalla Sacra Scrittura è definito con l’espressione: “i nuovi cieli e una terra nuova” (2Pt 3,13) [Cf Ap 21,1 ]. Sarà la realizzazione definitiva del disegno di Dio di “ricapitolare in Cristo tutte le cose, quelle del cielo come quelle della terra” (Ef 1,10). (CCC,1043). 

Pensare a questo evento, alle ultime cose, la escatologia, è pensare al bello, al definitivo, a tutto ciò che non sarà più come prima. E’ pensare al Paradiso. Infatti, “in questo nuovo universo, [Cf Ap 21,5 ] la Gerusalemme celeste, Dio avrà la sua dimora in mezzo agli uomini. Egli “tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno perché le cose di prima sono passate” ( Ap 21,4) [Cf  Ap 21,27 ]. 

L’assenza di ogni dolore, sofferenza, della morte, di tutto ciò che limita la felicità dell’uomo terrestre di oggi è sicuramente un motivo di guardare al futuro eterno nel segno della speranza, della riconciliazione, della pace, dell’unità del genere umana, senza più divisioni e guerre. “Per l’uomo questo compimento sarà la realizzazione definitiva dell’unità del genere umano, voluta da Dio fin dalla creazione e di cui la Chiesa nella storia è “come sacramento” [Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium, 1]. Coloro che saranno uniti a Cristo formeranno la comunità dei redenti, la “Città santa” di Dio (Ap 21,2), “la Sposa dell’Agnello” (Ap 21,9). Essa non sarà più ferita dal peccato, dalle impurità, [Cf  Ap 21,27 ] dall’amor proprio, che distruggono o feriscono la comunità terrena degli uomini. La visione beatifica, nella quale Dio si manifesterà in modo inesauribile agli eletti, sarà sorgente perenne di gaudio, di pace e di reciproca comunione”. (CCC,1045). 

Non diversa sarà la sorte dell’intera creazione, che avrà un’altra configurazione. Infatti, per “quanto al cosmo, la Rivelazione afferma la profonda comunione di destino fra il mondo materiale e l’uomo: La creazione stessa attende con impazienza la rivelazione dei figli di Dio. . . e nutre la speranza di essere lei pure liberata dalla schiavitù della corruzione. . . Sappiamo bene infatti che tutta la creazione geme e soffre fino ad oggi nelle doglie del parto; essa non è la sola, ma anche noi, che possediamo le primizie dello Spirito, gemiamo interiormente aspettando l’adozione a figli, la redenzione del nostro corpo” ( Rm 8,19-23). (CCC,1046). 

Ed aggiunge circa il mondo che noi oggi osserviamo con i nostri occhi: “Anche l’universo visibile, dunque, è destinato ad essere trasformato, “affinché il mondo stesso, restaurato nel suo stato primitivo, sia, senza più alcun ostacolo, al servizio dei giusti”, partecipando alla loro glorificazione in Gesù Cristo risorto [Sant’Ireneo di Lione, Adversus haereses, 5, 32, 1]. 

Molti sono tentati dalla paura che tutto questo possa avvenire quanto prima e che passerà la scena di questo mondo nell’immediato. Incidono su queste concezioni millenaristiche o apocalittiche molte delle idee di oggi e molte delle situazioni che viviamo quotidianamente con tanti drammi, difficoltà, terremoti, cataclismi, tragedie. La paura della fine del mondo è nell’idea di molti e qualcuno gioca anche in questa direzione per spingere l’uomo a permettersi ogni cosa, lecita ed illecita, considerato che tutto passa e passa in fretta. Però sappiamo con assoluta verità che noi  “ignoriamo il tempo in cui avranno fine la terra e l’umanità, e non sappiamo il modo in cui sarà trasformato l’universo. Passa certamente l’aspetto di questo mondo, deformato dal peccato. Sappiamo, però, dalla Rivelazione che Dio prepara una nuova abitazione e una terra nuova, in cui abita la giustizia, e la cui felicità sazierà sovrabbondantemente tutti i desideri di pace che salgono nel cuore degli uomini” [Conc. Ecum. Vat. II, Gaudium et spes, 39]. (CCC,1048). Ed aggiunge il Magistero della Chiesa che ci richiama costantemente sulle verità di fede, ma anche sulla corrispondenza etica alla fede che “tuttavia l’attesa di una terra nuova non deve indebolire, bensì piuttosto stimolare la sollecitudine nel lavoro relativo alla terra presente, dove cresce quel corpo dell’umanità nuova che già riesce a offrire una certa prefigurazione che adombra il mondo nuovo. Pertanto, benché si debba accuratamente distinguere il progresso terreno dallo sviluppo del Regno di Cristo, tuttavia, nella misura in cui può contribuire a meglio ordinare l’umana società, tale progresso è di grande importanza” [Conc. Ecum. Vat. II, Gaudium et spes, 39]. (CCC, 1049).  “Infatti. . . tutti i buoni frutti della natura e della nostra operosità, dopo che li avremo diffusi sulla terra nello Spirito del Signore e secondo il suo precetto, li ritroveremo poi di nuovo, ma purificati da ogni macchia, illuminati e trasfigurati, allorquando Cristo rimetterà al Padre il Regno eterno e universale” [Conc. Ecum. Vat. II, Gaudium et spes, 39]. Dio allora sarà “tutto in tutti” ( 1Cor 15,28), nella vita eterna: La vita, nella sua stessa realtà e verità, è il Padre, che attraverso il Figlio nello Spirito Santo, riversa come fonte su tutti noi i suoi doni celesti. E per la sua bontà promette veramente anche a noi uomini i beni divini della vita eterna [ San Cirillo di Gerusalemme, Catecheses illuminandorum, 18, 29: PG 33, 1049, cf Liturgia delle Ore, III, Ufficio delle letture del giovedì della diciassettesima settimana. [Paolo VI, Credo del popolo di Dio, 28.] 

Di quello che abbiamo fatto, di quello che abbiamo seminato, nell’eternità ritroveremo i frutti per la nostra vita futura. Saranno frutti abbondanti e purificati nella forma e nella sostanza e che ci assicureranno il vero cibo quello eterno e che non si esaurirà mai, perché saremmo nella pace di Dio, saremo nel Paradiso.

 

 

 **********************************************************************************

 

HO VISTO IL PARADISO/2

 

di padre Antonio Rungi

 

IL CIELO

 

Nel Catechismo della Chiesa Cattolica si parla del Cielo, come ultimo destino dell’uomo, come la vera e definitiva patria per tutti noi. Leggiamo, infatti, in questo documento dottrinale di grande importanza per tutti i cattolici, soprattutto in questo anno della fede, che ci apprestiamo a celebrare: “Coloro che muoiono nella grazia e nell’amicizia di Dio e che sono perfettamente purificati, vivono per sempre con Cristo. Sono per sempre simili a Dio, perché lo vedono “così come egli è” (1Gv 3,2), faccia a faccia: [Cf 1Cor 13,12; Ap 22,4] (CCC, 1023). In poche parole noi saremo con le nostre sole anime, in attesa della risurrezione finale, nel cielo, quel cielo non fisico, ma spirituale, quel luogo eterno in cui dimoreremo per sempre con Dio e con quanti hanno raggiunto il cielo o il paradiso. Le definizioni dogmatiche al riguardo ci possono aiutare a capire cosa sia il cielo e come e cosa è il paradiso per un credente, dopo la morte corporale. “Con la nostra apostolica autorità definiamo che, per disposizione generale di Dio, le anime di tutti i santi morti prima della passione di Cristo. . . e quelle di tutti i fedeli morti dopo aver ricevuto il santo Battesimo di Cristo, nelle quali al momento della morte non c’era o non ci sarà nulla da purificare, oppure, se in esse ci sarà stato o ci sarà qualcosa da purificare, quando, dopo la morte, si saranno purificate. . ., anche prima della risurrezione dei loro corpi e del giudizio universale – e questo dopo l’Ascensione del Signore e Salvatore Gesù Cristo al cielo – sono state, sono e saranno in cielo, associate al Regno dei cieli e al Paradiso celeste con Cristo, insieme con i santi angeli. E dopo la passione e la morte del nostro Signore Gesù Cristo, esse hanno visto e vedono l’essenza divina in una visione intuitiva e anche a faccia a faccia, senza la mediazione di alcuna creatura [Benedetto XII, Cost. Benedictus Deus: Denz. -Schönm., 1000; cf Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium, 49].

Bellissima ed espressiva la terminologia usata dal Catechismo per parlarci del cielo. “Questa vita perfetta, questa comunione di vita e di amore con la Santissima Trinità, con la Vergine Maria, gli angeli e tutti i beati è chiamata “il cielo”. Il cielo è il fine ultimo dell’uomo e la realizzazione delle sue aspirazioni più profonde, lo stato di felicità suprema e definitiva” (CCC,2024). Il cielo oltre ad arrivarci è importante viverci. E vivere in cielo non significa solo avere lo sguardo proiettato verso l’eternità e svolgere la propria vita con la massima gioia, ma vivere in cielo è possedere per sempre Dio, la nostra vera felicità. “Vivere in cielo è “essere con Cristo” [Cf Gv 14,3; Fil 1,23; 1Ts 4,17 ]. Gli eletti vivono “in lui”, ma conservando, anzi, trovando la loro vera identità, il loro proprio nome: [Cf Ap 2,17 ] (CCC,1025). La vita, infatti, è stare con Cristo, perché dove c’è Cristo, là c’è la vita, là c’è il Regno [Sant’Ambrogio, Expositio Evangelii secundum Lucam, 10, 121: PL 15, 1834A]. Come si vive in cielo, è il Magistero della Chiesa, interpretando la parola di Dio, ce ne dà l’esatta dimensione. “Con la sua morte e la sua Risurrezione Gesù Cristo ci ha “aperto” il cielo. La vita dei beati consiste nel pieno possesso dei frutti della Redenzione compiuta da Cristo, il quale associa alla sua glorificazione celeste coloro che hanno creduto in lui e che sono rimasti fedeli alla sua volontà. Il cielo è la beata comunità di tutti coloro che sono perfettamente incorporati in lui” (CCC,1026). Capire che cosa sia il cielo e come si vive in esso, dalla prospettiva umana e terrena è impresa non facile. E’ un mistero, che si svelerà completamente alla nostra persona dopo la morte. “Questo mistero di comunione beata con Dio e con tutti coloro che sono in Cristo supera ogni possibilità di comprensione e di descrizione. La Scrittura ce ne parla con immagini: vita, luce, pace, banchetto di nozze, vino del Regno, casa del Padre, Gerusalemme celeste, paradiso: “Quelle cose che occhio non vide, né orecchio udì, né mai entrarono in cuore di uomo, queste ha preparato Dio per coloro che lo amano” (1Cor 2,9). (CCC, 1027).Certamente per la nostra limitatezza umana, per la nostra pochezza umana, non possiamo vedere Dio così come Egli è, nell’eternità. Possiamo solo rappresentarlo ai nostri occhi e alla nostra mente, attraverso la riflessione, la preghiera, l’immaginazione, ciò che ci Dio la Sacra Scrittura su di Lui. Ma come Egli effettivamente sia non è dato sapere ad alcun mortale. Infatti “a motivo della sua trascendenza, Dio non può essere visto quale è se non quando egli stesso apre il suo Mistero alla contemplazione immediata dell’uomo e gliene dona la capacità. Questa contemplazione di Dio nella sua gloria celeste è chiamata dalla Chiesa la “la visione beatifica”: Questa sarà la tua gloria e la tua felicità: essere ammesso a vedere Dio, avere l’onore di partecipare alle gioie della salvezza e della luce eterna insieme con Cristo, il Signore tuo Dio, . . . godere nel Regno dei cieli, insieme con i giusti e gli amici di Dio, le gioie dell’immortalità raggiunta [San Cipriano di Cartagine, Epistulae, 56, 10, 1: PL 4, 357B]. (CCC, 1018).E allora cosa si farà per sempre nel cielo. Come si gode della visione eterna di Dio? “Nella gloria del cielo i beati continuano a compiere con gioia la volontà di Dio in rapporto agli altri uomini e all’intera creazione. Regnano già con Cristo; con lui “regneranno nei secoli dei secoli” (Ap 22,5) [Cf Mt 25,21; Mt 25,23) (CCC, 1029). Come dire in termini umani, più accessibili a noi: lì saremo beati davvero, non avremo altri problemi se non quello di non avere problemi, in quanto tutto è risolto per sempre e nella massima armonia, esattezza e perfezione.

************************************************************************************** 

HO VISTO IL PARADISO/1

di padre Antonio Rungi

Da poco ero rientrato nel mio convento passionista di Itri (Lt) da un impegno di predicazione a Caivano, in provincia di Napoli, dove ogni anno il 6 agosto, in occasione della Festa della Trasfigurazione, si celebra la festa del Volto Santo, e stavo sul terrazzo a contemplare il cielo stellato che si apriva sulla mia testa nella sua maestosità e infinitezza. Erano verso le 23 del 6 agosto del 2012, quando ho visto, quasi fisicamente, aprirsi davanti ai miei occhi l’infinito e gioioso mondo di Dio, quel Paradiso a cui tutti, noi credenti, aspiriamo di arrivare con il nostro impegno nel tempo.

Durante la mia predica a Caivano avevo parlato di questo, del Monte Tabor, della Trasfigurazione del Signore davanti ai suoi tre apostoli scelti da lui per far loro “vedere” come è davvero il Volto di Dio, il Volto luminoso che Gesù, Figlio dell’Eterno Padre, ci ha rivelato con la sua venuta tra noi mortali. Ero preso ancora dalle parole che lo Spirito Santo aveva suggerito alla mia povera mente ed intelligenza di dire in quel momento. Mi sorprendo sempre di più e resto affascinato e molte volte interdetto come io, povero mortale, possa parlare il linguaggio di Dio, della fede, della religione cristiana cattolica con tanta facilità e semplicità, con tanta incidenza nel cuore degli ascoltatori, al punto tale che davvero sono stra-convinto che è lo Spirito santo che parla in voi. Non vi preoccupate di dire le cose, soprattutto davanti ai tribunali del mondo e ai vari tribunali delle ragioni sufficienti che vogliono dimostro tutto e subito ogni cosa, che è lo Spirito Santo a dire attraverso la vostra voce ciò che è necessario proclamare come parola di Dio e della Chiesa.

Sì la predica sulla Trasfigurazione e sulla festa del Volto santo aveva lasciato il segno nelle diverse centinaia di persone presenti nella Chiesa di San Pietro Apostolo in Caivano, tanto da congratularsi con me, dopo la messa. Come sempre un po’ restio alle congratulazioni ed apprezzamenti su quanto dico in nome di Dio e della Chiesa nelle mie prediche, mi fece riflettere una valutazione di una persona anziana, che da anni come me si ritrova all’appuntamento con la festa del Volto Santo, ogni anno il 6 agosto: “Questa sera siete stato eccezionale, come sempre, ma c’era una spinta in più”. Sicuramente era la verità. Le persone quando vengono in chiesa con il desiderio di sentire e lasciarsi toccare dalla parola di Dio riesco a capire ed andare oltre lo stesso nostro modo di comunicare. Evidentemente avevano capito bene, c’era in me una spinta di spiritualità maggiore che io facilmente ho potuto giustificare e inquadrare nel tutto. Come ministro della parola e dell’eucaristia è di norma che quando parliamo dall’altare e siamo coerenti alla parola di Dio e al magistero è Cristo stesso che parla e la Chiesa che insegna. Ma io venivo da una forte esperienza di predicazione di esercizi spirituali, di due turni, tra fine luglio ed inizio agosto, tenuti alle Suore Vittime Espiatrici di Gesù Sacramentato, congregazione religiosa femminile, fondata dalla Beata Maria Cristina Brando, la cui causa di canonizzazione volge al termine, durante i quali avevo parlato dell’educazione permanente di ogni anima consacrata e della conformazione  a Cristo.

Ero quindi pieno spiritualmente di tante considerazioni, meditazione e contemplazioni condivise con le religiose, molte delle quali giovanissime e di origine filippina, indonesiana, colombiana, brasiliana, con una buona presenza di religiose più mature di origine italiana, che avevano messo nel mio cuore una spinta di spiritualità in più rispetto al normale modo di predicare. Quindi l’omelia, di quasi 20 minuti, aveva affascinato tutti i presenti, nonostante un caldo asfissiante in quella chiesa, che solo pochi ventagli di signore e signorine, mossi con prudenza per non dare fastidio all’oratore, facevano muovere un po’ di aria, che giungeva sull’altare calda, come torrido era il clima di quel 6 agosto 2012.

Avevo parlato del Paradiso e come, secondo la parola di Dio, gli insegnamenti di Gesù, si può raggiungere il cielo, avevo parlato della pazienza e della sopportazione, della capacità di non far del male agli altri, visto che una volta fatto la piaga resta, nonostante il pentimento e il perdono.

Avevo raccontato un aneddoto che circolava in rete, come un vero tam tam e che ha il suo fascino e il suo insegnamento, e che per una riflessione personale riporto qui in questo contesto di approfondimento di concetti teologici e spirituali molto più consistenti.

“C’era una volta un ragazzo con un pessimo carattere. Suo padre gli diede un sacchetto di chiodi e gli disse di piantarne uno sul muro del giardino ogni volta che avrebbe perso la pazienza e avrebbe litigato con qualcuno. Il primo giorno ne piantò 37 nel muro. Le settimane successive, imparò a controllarsi, ed il numero di chiodi piantati diminuì giorno dopo giorno: aveva scoperto che era più facile controllarsi che piantare chiodi. Infine, arrivò un giorno in cui il ragazzo non piantò nessun chiodo sul muro. Allora andò da suo padre e gli disse che quel giorno non aveva piantato nessun chiodo. Suo padre gli disse allora di togliere un chiodo dal muro per ogni giorno in cui non avesse mai perso la pazienza. I giorni passarono e infine il giovane poté dire a suo padre che aveva levato tutti i chiodi dal muro. Il padre condusse il figlio davanti al muro e gli disse: “Figlio mio, ti sei comportato bene, ma guarda tutti i buchi che ci sono sul muro. Non sarà mai come prima. Quando litighi con qualcuno e gli dici qualcosa di cattivo, gli lasci una ferita come questa. Puoi piantare un coltello in un uomo e poi tirarglielo via, ma gli resterà sempre una ferita. Poco importa quante volte ti scuserai, la ferita resterà. E una ferita verbale fa male tanto quanto una fisica” (Anonimo, Il sacchetto dei chiodi).

Lezioni di vita che proiettano la nostra esistenza oltre il tempo, in quella eternità beata alla quale tutti siamo diretti e sulla quale tutti dovremmo riflettere più frequentemente. Eternità è sinonimo di Paradiso. Da qui il bisogno di alzare gli occhi al cielo in una notte stellata di agosto e guardare ilo cielo e con gli occhi della fede, vedere Dio, vedere il Paradiso. Sì perché Dio si fa vedere con quegli occhi puri e semplici della fede semplice, che sa meravigliarsi di fronte all’immensità del cielo, alla profondità del mare e alla bellezza del creato. E allora alzi gli occhi al cielo in una notte stellata e ti rivolgi a Lui per dirgli semplicemente “Grazie”. Grazie perché esisti davvero, grazie perché hai creato ogni cosa bene e bella, grazie perché ci hai dato la vita, grazie perché ci hai dato il soffrire, grazie perché solo Tu, o Dio, Creatore e Padre, meriti il nostro infinito ed immenso grazie, sempre, perché ci ami e ami davvero!

Le meditazioni per il corso di esercizi spirituali

esercizispirituali2012.pdf

In allegato il file pdf delle meditazioni dettate alle Suore Vittime Espitarici di Gesù Sacramentato di Casoria (Napoli), fondate dalla Beata Maria Cristina Brando, durante i due turni di esercizi spirituali, tenuti a Roma dal 23 al 27 luglio e dal 30 luglio al 3 agosto 2012, presso la struttura di Villa M.C.Brando in Via Cassia Roma.

ATTENDERE UN PO’ PER VISUALIZZARE IL FILE CHE E’ MOLTO PESANTE. SI APRE DOPO UN PO’ DI TEMPO, MA SI APRE DI CERTO IN QUANTO E’ IN FORMATO PDF.

P.Antonio Rungi cp

Airola (Bn). Verso la conclusione il processo diocesano della Serva di Dio Maria Concetta Pantusa

415243_10150656456131838_860048713_o.jpgDa molti devoti, da studiosi e biografi, da vari spiritualisti è considerata la “Santa Rita del Sud” con qualche variazione sul tema della santità, ma sostanzialmente con gli stessi contenuti di spiritualità e di vita: nubile, poi sposa, poi madre, poi vedova, infine consacrata laica, ma con il desiderio nel cuore di consacrarsi totalmente al Signore nel secondo ordine francescano, chiedendo di entrare nel monastero delle Clarisse di Airola, che allora non accoglieva le persone vedove. Vi entrò l’unica sua figlia, suor Maria Carmela, morta ultranovantenne, tre anni fa, frutto del suo matrimonio con Vito De Marco, poi morto durante la prima guerra mondiale.
Si tratta della Serva di Dio Concetta Pantusa,  madre di famiglia, di cui è in corso il processo di beatificazione, conosciuta presso il popolo cristiano del Sannio e della Calabria, come “Suor Concetta, la monaca santa del Volto Santo di Airola”.
La sua spiritualità, come quella di Santa Rita da Cascia, è una spiritualità della Passione di Cristo. Fu, infatti, guidata nel suo itinerario di fede, speranza e carità dai religiosi passionisti che ad Airola, nel vicino convento di Monteoliveto, sulla collina del piccolo centro della Valle Caudina, erano e sono presenti con una comunità stabile dal 1882 e dai Frati Francescani con il convento di San Paquale presenti in città dal 1600.
Punti di riferimento per la sua formazione spirituale furono San Francesco d’Assisi, Santa Chiara, San Pasquale Baylon, Sant’Antonio da Padova sul versante della famiglia religiosa dei Francescani; mentre sul versante di quella passionista sua grande devozione fu l’amore filiale a San Paolo della Croce, fondatore dei Passionisti, a San Gabriele dell’Addolorata, a Santa Gemma Galgani e particolarmente a Santa Maria Goretti, che venerava con speciale affetto, in quanto ad Airola, fin dal momento della canonizzazione della martire delle Ferriere, nel 1950, si sviluppò una sentita devozione, che ancora oggi persiste al tempo della distruzione di tutto il sacro negli ambiente cristiani dei decenni passati. Qui Maria Concetta Pantusa visse, per oltre 20 anni, l’ultimo significativo tratto della sua vita.
Nata a Celico il 3 febbraio 1894, Maria Concetta Pantusa da fanciulla soffrì molto per il duro trattamento del padre,  il quale la condusse con sé in Brasile dove si recò in cerca di lavoro. In Brasile sposò un giovane italiano di origini pugliesi, un certo Vito De Marco.  Dalla loro unione coniugale il 28 ottobre 1915 nacque l’unica figlia Maria Carmela, poi diventata monaca clarissa. 
Ritornarono in Italia nel 1916, prendendo domicilio a Polignano a Mare (Bn). Il marito morì durante la prima guerra mondiale, lasciandola vedova con una bambina da accudire in un tempo di estrema miseria e povertà. Dopo molte traversie, l’ 8 maggio 1930, insieme con l’unica figlia e con Suor Speranza Elena Pettinato si trasferì in Airola (Benevento). Mentre la figlia entrava nel monastero delle Clarisse, lei che pure aveva fatto richiesta d entrarvi, non fu accettata per i limiti della regola del secondo ordine francescano. Di conseguenza restò nel secolo e con suor Speranza iniziò una vita di consacrata laica. Qui si dedicò all’educazione dei piccoli, alla carità, al servizio degli poveri, alla preghiera, vivendo un’intensa vita interiore nella sua piccola abitazione di via Monteoliveto in Airola, guidata da saggi direttori spirituali. Incominciarono le prime significative esperienze di visioni ed estasi, che sapeva tenere gelosamente nascoste per sé, per evitare qualsiasi fraintendimento, strumentalizzazione e soprattutto per allontanare lo spettro della superbia e dell’orgoglio, che si possono manifestare quando i segni del cielo sono evidenti in un’anima santa. La lotta contro il Demonio è testimoniata nel suo diario spirituale.
Il Signore, infatti, riversò in lei molti doni: la profezia, il miracolo, la visione, l’estasi, le stimmate e i dolori della Passione.
Nell’umile stanzetta dove viveva, il 17 febbraio 1947, per tre ore, dalle 13 alle 16, da un’immagine del volto di Gesù della S. Sidone di Torino, vide uscire dal sangue; il sangue sgorgava come da una sorgente e rimase in ebollizione per tre ore. Questo fenomeno si ripeté il 28 febbraio e, per la terza volta, il 4 marzo. Da quel giorno i fatti miracolosi si susseguirono con continuità. Maria Concetta Pantusa morì il venerdì di Passione il 27 marzo 1953, all’età di 59 anni.
Sull’eroicità delle virtù teologali e morali e su specifici altri fatti attinenti la santità della Serva di Dio sta operando con grande senso di equilibrio e di giudizio, da cinque anni, il Tribunale ecclesiastico diocesano di Cerreto-Telese-Sant’Agata  per la causa dei santi.
Il processo per la causa di beatificazione è stato, infatti, aperto ufficialmente il 10 febbraio 2007, alla presenza del Vescovo diocesano di Cerreto-Telese-Sant’Agata dei Goti, monsignor Michele De Rosa, nella Chiesa della SS.Annunziata di Airola (Bn), alla presenza di oltre mille fedeli arrivati ad Airola, da ogni parte d’Italia, dalla terra nativa della Serva di Dio, la Calabria e dalle Puglie. Tale iniziativa  è  sostenuta dalla Pia Unione del Volto Santo di Airola, il cui responsabile è il francescano, padre Vittorio Balzarano.
Il processo diocesano sta in via di ultimazione, dopo che la sezione del tribunale ecclesiastico ha ascoltato tutti i testimoni ed esperite tutte le pratiche canoniche previste dall’iter per la beatificazione.

Antonio Rungi 

Auguri di buon onomastico, Santità!

11.jpgUn augurio speciale oggi a Sua Santità Benedetto XVI che festeggia il suo onomastico di Papa, in quanto quello di battesimo è Giuseppe.

Per il Santo Padre preghiamo incessantemente perchè il Signore gli dia tanta forza, salute e coraggio per guidare la Chiesa in questo inizio del nuovo millennio dell’era cristiana, segnato da tanti problemi e crisi di ogni genere, ma sempre con il cuore e la mente aperti alla speranza cristiana e alla provvidenza divina.

Di San Benedetto, il Papa scrive: “San Benedetto, Fondatore del monachesimo occidentale, e anche Patrono del mio pontificato”.

Il grande abate e fondatore del monachesimo, patrono dell’Europa assista e protegga Papa Benedetto XVI nel suo ministero al servizio della Chiesa. Come san Benedetto sia un padre e un sostegno per tutti!

Augurissimi Santità!

Padre Antonio Rungi cp