ITRI. I PASSIONISTI IN QUESTO TEMPO DI CORONAVIRUS

Pubblicazione2

ITRI. I PASSIONISTI QUESTA MATTINA HANNO CELEBRATO MESSA PER TUTTI I DEFUNTI DEL CORONAVIRUS

“Di fronte alle immagini dei carri militari che hanno trasferito fuori regione della Lombardia i corpi dei morti di e con coranavirus per la cremazione siamo rimasti scioccati e come sacerdoti e religiosi abbia ritenuto, come altre volte, di pregare e celebrare l’eucaristia per i nostri fratelli defunti di questa immane tragedia nazionale”, è quanto ha detto padre Antonio Rungi, all’inizio e a conclusione della santa messa che lo stesso sacerdote, delegato arcivescovile per la vita consacrata della diocesi di Gaeta, ha celebrato questa mattina alle ore 7,30 nella Chiesa dei Passionisti di Itri.

“La morte di tante persone, la mancanza anche di un’adeguata assistenza spirituale, la privazione di un degno funerale, come cristiani ci mette davanti a questa prova durissima e dolorosissima che, con speranza, fiducia, forza della scienza e della preghiera pensiamo di superare quanto prima con l’aiuto di tutti”.

Padre Rungi ha lanciato anche un messaggio a tutti gli Italiani di “restare a casa e di rispettare tutte le norme sanitarie che ci sono state date obbligatoriamente. Se questa è la strada per superare l’emergenza e combattere l’epidemia la dobbiamo percorrere tutti e non chi si e chi no. Tutti uniti contro il coronavirus, questo nemico silenzioso e subdolo che tanta sofferenza ed ansia sta portando nei nostri cuori”.

Un pensiero speciale durante la preghiera finale è stato rivolto ai medici, agli infermieri, agli operatori sanitari, alle forze dell’Ordine, ai responsabili civili e politici a tutti i livelli che stanno affrontando questa emergenza con serietà e competenza.

La santa messa è stata concelebrata dai religiosi della comunità passionista di Itri, senza presenza di fedeli, a porte chiuse, ma mandata in onda in streaming per dare possibilità ai fedeli della zona di seguire la celebrazione eucaristica dalle proprie abitazioni.

Da ieri anche Itri, in base a quanto ha comunicato il Sindaco della Città, avvocato Antonio Fargiorgio, presenta un caso di coronavirus, attentamente monitorato e che non dovrebbe suscitare troppe preoccupazioni tra la cittadinanza. Ma si sa che la paura è grande ed anche Itri, che già si era adeguata alle norme sanitaria per l’emergenza coronavirus, da questa mattina è una cittadina deserta, ma anche preoccupata per i giorni che verranno. A pochi km c’è Fondi che è stata completamente isolata per l’aumento dei casi negli ultimi giorni. Per cui la preoccupazione è aumentata e la gente è in ansia per tutto questo e per quello che sente a livello nazionale ed internazionale.

“Si esce da questa situazione confidando –ha detto padre Rungi – nella scienza e nella fede, che sono le vie maestre per superare ogni epidemia compresa questa del coronavirus. Ci vorrà un po’ di tempo, piangeremo altri morti, ma alla fine vinceremo se saremo uniti e rispettosi delle norme sanitarie”. Il messaggio che ha lanciato è sintetizzato nel poster che sta circolando con poche essenziali parole: “Al 19 marzo 2020 i morti sono 3405 con e di coronavirus. Una strage silenziosa. Noi facciamo silenzio e preghiamo”.

ITRI. I PASSIONISTI IN QUESTO TEMPO DI CORONAVIRUSultima modifica: 2020-03-20T10:21:20+01:00da pace2005
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento