P.RUNGI. COMMENTO PER LA SOLENNITA’ DEL NATALE 2014

AUGURI2014

SOLENNITA’ DEL SANTO NATALE 2014 

Corriamo verso la gioia 

Commento di padre Antonio Rungi 

Noi uomini di questo tempo abbiamo bisogno di buone notizie, di notizie di vita e di gioia. Difficile trovarle nella quotidianità del nostro mondo e nei rapporti. Troppi fatti negativi, potrebbero deprimerci, scoraggiarsi, far serpeggiare nel nostro animo lo scoramento. Puntuale, ogni anno, il 25 dicembre arriva la solennità del Natale, la festa per eccellenza della gioia, della vita, del futuro, della famiglia, della pace, dell’armonia, della bontà e della tenerezza, di tutto ciò, in poche parole, è la vera buona notizia della storia che si rinnova ogni anno, partendo da quella grotta di Betlemme, dove risuona la prima volta il vero canto della gioia, perché lì nasce il Redentore. Il Natale, anche in questo nostro tempo super-tecnologico, riparte ogni volta dall’annuncio degli Angeli sulla grotta di Betlemme dove la santa famiglia, aspetta la visita di quanti vanno a vedere con i loro occhi la gloria di Dio che si è manifesta in Gesù bambino. Nel descrive la nascita di Gesù, l’evangelista Luca, nel brano del vangelo che leggiamo nella messa di mezzanotte, mette in risalto i momenti salienti dell’avvenimento: “C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia». E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva: «Gloria a Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».

Il nucleo essenziale del Natale ed il suo messaggio che si rinnova ogni anno in questa solennità da 2014 anni è sta proprio qui. Non temete, ormai la gioia ha preso possesso di questo mondo, perché Dio si è fatto uomo ed è in mezzo a noi, è l’Emmanuele. La conseguenza di questa buona notizia è che ci sarà pace ed amore sulla terra per quanti accettano di vivere davvero il Natale di Gesù, Giuseppe e Maria e non il proprio egoistico natale del piacere e del divertimento, dell’odio e del risentimento, della guerra e della violenza, dell’ingiustizie e cattiverie. No! Il Natale che Gesù ci chiede di celebrare e vivere è un Natale contrassegnato dalla pace e dall’amore a livello generale e non a livello di poche persone. Tutta l’umanità deve essere investita dalla forza dell’amore e della pace, che ha origine nel Redentore.

Come i pastori dobbiamo correre ad incontrare la gioia del Signore. Non possiamo rimanere immobile nel cuore della notte, con i nostri pensieri, angosce, i nostri problemi, anche veri e reali, ma lontani dalla vera felicità che solo Dio ci può donare sempre. Correre verso la gioia non solo di Gesù, il Redentore, ma anche di Maria e di Giuseppe, perché anche loro possano guidarci, nel modo più giusto e sapiente, ad accogliere Gesù nel modo più giusto e positivo possibile. Non blocchiamo il processo di un cammino di elevazione spirituale che ci fa assaporare la gioia vera, ogni volta che facciamo un piccolo passo ed un progresso in ordine alla santità. E con il profeta Isaia, cantiamo la gioia dell’atteso Messia, scappando via dalle tenebre del peccato, della menzogna e della falsità. “Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse. Hai moltiplicato la gioia, hai aumentato la letizia. Gioiscono davanti a te

come si gioisce quando si miete e come si esulta quando si divide la preda. Perché tu hai spezzato il giogo che l’opprimeva, la sbarra sulle sue spalle, e il bastone del suo aguzzino”. Questo è natale che sogniamo tutti da sempre, prima della venuta di Gesù e soprattutto dopo la sua nascita e la sua venuta su questa terra. Uomini e donne libere di fare la pace e fare il bene sempre, mai dimenticandosi che il bene deve sempre prevalere e il male deve essere sempre lottato e per quanto ci è possibile sconfitto dentro di noi e intorno a noi, con le armi dell’amore e della tenerezza. In Gesù Bambino, ci ricorda l’Apostolo Paolo nella sua lettera a Tito che “è apparsa la grazia di Dio, che porta salvezza a tutti gli uomini e ci insegna a rinnegare l’empietà e i desideri mondani e a vivere in questo mondo con sobrietà, con giustizia e con pietà, nell’attesa della beata speranza e della manifestazione della gloria del nostro grande Dio e salvatore Gesù Cristo”. Il Natale chiede conversione e rinnovamento, distacco dalle cose mondane e ricerca della giustizia, della pietà, coltivando la vera speranza cristiana, senza la quale il Natale è solo un giorno di festa, che durante fino a Santo Stefano.

Sia questa la nostra preghiera nella notte più bella della storia dell’umanità e nel giorno più luminoso dell’intera creazione

 

Dio della gioia e della tenerezza

che vieni tra noi nella condizione

di un bambino, povero ed indifeso,

proteggi tutti i bambini della terra,

perché possano incontrare

solo il volto gioioso di madri e padri

che sanno amare,

con la stessa attenzione

di Giuseppe e Maria.

 

Nella grotta di Betlemme,

tua prima culla,

hai sperimentato il freddo e il gelo

di una natura che ti ha accolto,

rispettando i tempi e le stagioni,

che hai dato ad essa

creandola dal niente.

 

Nella grotta di Betlemme

hai sperimentato,

Gesù Bambino,

la tenerezza e la bontà

delle persone semplici,

ma anche degli intellettuali del tuo tempo,

venuti da vicino e da lontano

per adorarti e contemplarti.

 

Fa o Gesù Bambino,

gioia eterna dell’Altissimo,

che questa umanità,

segnata da tanti dolori e sofferenze,

sperimenti la gioia del tuo Natale,

con lo stesso entusiasmo

degli angeli che apparvero

nel momento della Tua nascita

su quella povera e misera grotta

di un paese sconosciuto

e senza futuro.

 

Dona o Signore,

Redentore dell’uomo

la vera gioia del cuore,

con la stessa tonalità e consistenza

che, Maria, Tua e nostra Madre,

ha sperimentato accogliendoti

nel suo grembo verginale.

 

Fa che questo Natale 2014

segni un nuovo modo

di essere cristiani

e di vivere uniti in una grande

e sola famiglia

che inizia la sua esistenza

ai tuoi piedi Gesù Bambino.

 

Giuseppe e Maria,

i tuoi santi genitori terreni,

ci accompagnino

con uno stile di vita

in modo da potere celebrare

veramente questo Natale

dell’anno 2014, che volge al termine,

senza rimpianti  e impedimenti,

ma con un rinnovato spirito

di servire e mai di essere servito,

come tu ci hai insegnato a fare,

con il tuo stile di vita povera

ed obbediente fino alla fine. Amen

 

 

Preghiera composta

da padre Antonio Rungi

passionista

P.RUNGI. COMMENTO PER LA SOLENNITA’ DEL NATALE 2014ultima modifica: 2014-12-22T10:34:08+01:00da pace2005
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento