Commento alla liturgia del Corpus Domini 2014

padrerungi1

Solennità del Corpo e Sangue del Signore

Dacci sempre il tuo corpo e il tuo Sangue, Gesù

padre Antonio Rungi

In questa domenica in cui celebriamo la solennità del Corpo e Sangue di Gesù il mio primo pensiero va a quanti questo corpo e questo sangue, sacramento della presenza reale e divina di Gesù, non possono riceverlo e per tanti sacerdoti che non possono e non hanno potuto celebrarlo nel corso dei millenni, da quel giovedì santo, durante l’ultima cena, in cui Gesù istituiva l’eucaristia e il sacerdozio per essere più vicino a noi con le specie del pace e del vino. Penso a quanti non lo possono ricevere e soffrono per questo e penso, in secondo luogo, a quanti lo possono ricevere e non sentono il bisogno di farlo, dai più piccoli ai più grandi, dai bambini della prima comunione che anche quest’anno 2014, nei giorni scorsi ed oggi in particolare si accosteranno per la prima volta al Santissimo Sacramento dell’Altare. Penso agli ammalati in ospedale o nelle case in cui difficilmente arriva il ministro dell’eucaristia o il ministro straordinario della comunione per portare a quanti soffrono il viatico della gioia del cuore, che è Cristo Signore. Penso a quanti si sono fatti santi mettendo al centro della loro vita la messa, l’eucaristia e l’adorazione eucaristica, la partecipazione al culto eucaristico dentro e fuori la celebrazione della messa. I santi religiosi, sacerdoti, vescovi e papi, i tantissimi fedeli laici che hanno alimentato la loro esistenza alla fonte inesauribile della grazia eucaristica. Ecco, oggi festeggiare il Corpus Domini, non è solo replicare le abitudini quotidiane o settimanali della partecipazione alla messa e alla santa comunione, molte volte senza fervore e senza zelo, ma è essenzialmente immergersi in questo mistero della fede, mediante il quale annunciamo la morte del Signore, proclamiamo la sua risurrezione, nell’attesa della sua venuta. L’eucaristia ci immerge in questo mistero del già e del non ancora. La certezza della vita e della risurrezione e la speranza della salvezza eterna e definitiva. Noi nell’eucaristia anticipiamo tutto questo. Ecco perché è chiamata in tanti modi: sacrificio, mensa, banchetto nuziale, cena, frazione del pace, comunione ed altri termini teologici, elaborati dalla riflessione dei santi e del magistero che si sono concentrati sull’eucaristia e sulla messa, memoriale della pasqua del Signore.

La liturgia della parola che oggi ascoltiamo e sulla quale siamo invitati a meditare e riflettere per vivere questa giornata di gioia con lo spirito giusto e con il cuore libero da ogni altra preoccupazione che non sia quello di dare lode a Dio, ci aiuta proprio in questo cammino eucaristico che ci spinge quasi naturalmente verso la santità, che è la meta più alta alla quale possiamo aspirare. Lo facciamo con la preghiera della sequenza che oggi tutta l’assemblea convocata per la santa messa, recita prima della proclamazione del vangelo:Ecco il pane degli angeli, pane dei pellegrini, vero pane dei figli: non dev’essere gettato. Con i simboli è annunziato,  in Isacco dato a morte, nell’agnello della Pasqua, nella manna data ai padri. Buon pastore, vero pane, o Gesù, pietà di noi: nutrici e difendici, portaci ai beni eterni
nella terra dei viventi. Tu che tutto sai e puoi, che ci nutri sulla terra, conduci i tuoi fratelli alla tavola del cielo nella gioia dei tuoi santi.

In questa speciale preghiera eucaristica vogliamo soffermarci su questa espressione: nutrici e difendici, portaci ai beni eterni. E’ l’essenza stessa dell’eucaristia. In essa Gesù si fa nostro cibo e nostra bevanda per nutrirci e difenderci dagli assalti del male e del peccato.

Come nella vita fisica,  senza il necessario, adeguato e specifico nutrimento si abbassano le difese immunitarie, così nella vita spirituale senza l’eucaristia si abbassano i livelli di spiritualità e moralità e la vita di un vero cristiano si riduce a vita materiale, spesso vissuta anche rettamente, ma non certamente contrassegnata da questo rapporto continuo e sacramentale con Cristo che proprio l’eucaristia ci offre.

Con Cristo in noi, tutto possiamo realizzare dei nostri sogni più veri e delle nostre aspettative più certe. Nell’eucaristia, infatti, la nostra vita si trasforma continuamente in Cristo, vive e rivive la vita di Cristo non solo nel momento in cui riceve il corpo del Signore, ma perché quel corpo donato e quel sangue versato sulla Croce per noi ci redime continuamente da ogni colpa, ci rivitalizza sempre.

Perciò i cristiani, i martiri dei primi secoli pur di celebrare l’eucaristia, non temevano di andare a morire per questo valore. Le catacombe erano i luoghi speciali di preghiera, ma soprattutto i luoghi per fare memoria del Signore, facendo tesoro quel comando che Cristo aveva dato loro nell’ultima cena: Fate questo ogni memoria di me.San Paolo  Apostolo nel brano della prima lettera ai Corinzi, ci rammenta, infatti, cosa in effetti produce in noi l’eucaristia: “ Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse comunione con il sangue di Cristo? E il pane che noi spezziamo, non è forse comunione con il corpo di Cristo? Poiché vi è un solo pane, noi siamo, benché molti, un solo corpo: tutti infatti partecipiamo all’unico pane”. E’ la dimensione ecclesiale dell’eucaristia. E sappiamo bene come il magistero della chiesa, dopo il Concilio Vaticano II, specialmente con San Giovanni Paolo II, abbia voluto accentuare la dimensione ecclesiale dell’eucaristia, in quanto non c’è chiesa senza eucaristia e non c’è eucaristia se non nella chiesa, cioè nella comunione. Possiamo comprendere questa dimensione alla luce del discorso di Gesù sul pane della vita, come ci viene testualmente riportato dall’evangelista Giovanni, nel brano di oggi: «Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo». Ed aggiunge: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda>>. Pane per la vita del mondo è questa l’eucaristia. E questa la solennità del Corpus Domini che ci accingiamo a vivere con un cuore rinnovato dall’amore e dall’ardore eucaristico. Facciamo accendere dentro di noi questa fiamma che possa guidare i nostri gesti quotidiani, quando l’eucaristia dalla celebrazione, passa ad essere solo e soltanto diaconia e servizio. Non c’è chiesa eucaristica se non si fa serva per amore sull’esempio del proprio Maestro e Signore. Ecco che con grande gioia nel cuore possiamo oggi pregare così con tutta la chiesa sparsa nel mondo e che si ritrova particolarmente in questo giorno intorno alla sorgente della sua carità e del suo amore per l’umanità: “Dio fedele, che nutri il tuo popolo con amore di Padre, ravviva in noi il desiderio di te, fonte inesauribile di ogni bene: fa’ che, sostenuti dal sacramento del Corpo e Sangue di Cristo, compiamo il viaggio della nostra vita, fino ad entrare nella gioia dei santi, tuoi convitati alla mensa del regno”. Amen.

Commento alla liturgia del Corpus Domini 2014ultima modifica: 2014-06-21T09:28:35+02:00da pace2005
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento