La domenica del Buon Pastore. Omelia di padre Antonio Rungi

padrerungi1

Quarta domenica di Pasqua – 11 maggio 2014

Gesù, pastore e custode delle nostre anime

di padre Antonio Rungi

La quarta domenica di Pasqua è chiamata del buon pastore e tutta la liturgia di questa giornata è incentrata sul tema di Gesù Buon Pastore, al quale tutti coloro che hanno responsabilità nella Chiesa, dal Papa ai vescovi, ai sacerdoti e a tutti gli altri ministeri e servizi pastorali della chiesa universale o locale, si devono necessariamente ispirare. Oggi siamo invitati a pregare particolarmente per le vocazioni alla vita sacerdotale, religiosa e missionaria. Dobbiamo avere a cuore questa preghiera, perché il Signore faccia dono alla sua Chiesa di tanti santi e zelanti sacerdoti e religiosi.

Il vero buon pastore, secondo quando ci dice Gesù stesso opera in modo che il gregge sia unito, viva in pace, stia tranquillo nel recinto della comunità dei credenti, senza scandali e violenze, senza ingiustizia e sfruttamento del ruolo e della missione che il Signore ha affidato attraverso l’ordine sacerdotale, nei triplice grado di diacono, sacerdote e vescovo o di altri ministeri collaterali o di supporto alla pastorale delle comunità parrocchiali. E allora analizziamole queste caratteristiche che il buon pastore deve avere. Prima caratteristica, il buon pastore entra per la porta, e questa porta è Cristo. Chi si presenta ai fedeli con altri scopi o a titolo personale, è un brigante e un ladro. Si ruba la primazia di Dio nella vita del popolo santo, che deve essere curato nel nome di Cristo. Seconda caratteristica è che “egli chiama le sue pecore, ciascuna per nome, e le conduce fuori. E quando ha spinto fuori tutte le sue pecore, cammina davanti a esse, e le pecore lo seguono perché conoscono la sua voce”. Chiama, porta fuori e le precede. Tutto questo è il buon pastore che conosce ogni sua pecora e di fronte alle difficoltà non si allontana dal gregge, ma lo porta amorevolmente verso pascoli più sicuri e rasserenanti. Perché il pastore è essenzialmente la guida e il primo di tutti che deve andare nella direzione giusta. Non può delegare ad altri il suo compito di guida morale, spirituale e umana.

Terza caratteristica del buon pastore non può essere assolutamente estraneo al gregge. Egli si identifica nel gregge, anzi è il primo tra tutti quelli che credono e si affidano a Dio nel loro itinerario di fede e di crescita spirituale.

Di questo brano del vangelo è Gesù stesso a darne la spiegazione, sintetizzata in queste parole testuali:  «In verità, in verità io vi dico: io sono la porta delle pecore. Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato; entrerà e uscirà e troverà pascolo. Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza».

Di fronte alle continue critiche nei confronti dei sacerdoti, vescovi, soprattutto ai nostri giorni, sotto i riflettori dei media, è bene ricordare che ci sono tanti pastori santi, che vivono integralmente la loro consacrazione a Dio, con fedeltà assoluta, con abnegazione fino al martirio. Sacerdoti che muoiono per amore del popolo di Dio sono tantissimi anche oggi ed anche oggi abbiamo i martiri tra il clero. Certo non bisogna negare la fragilità di pochi sacerdoti che danno scandalo e commettono cose gravi: per loro vige quando viene detto dal Signore, che è Misericordia, meglio se non fossero mai nati, se hanno infangato la chiesa con i loro peccati e crimini, dai più lievi ai più gravi. Tali pastori, se sono ancora in circolazione, hanno bisogno di conversione e forse anche di profonda revisione della loro vita di ministri a vari titoli. E ciò non solo nell’ambito della vita sacerdotale, ma anche laicale.

Sul tema del buon pastore è anche incentrata la seconda lettura tratta dalla prima lettera di Pietro. Qui viene proposta l’immagine di Gesù come pastore e custode delle nostre anime. Egli è esempio di come si possano coniugare amore e passione, gioia e dolore, vita e morte per andare incontro al popolo santo di Dio. E ci ricorda che Cristo patì per noi, lasciandoci un esempio, perché ne seguiamo le orme. “Egli non commise peccato e non si trovò inganno sulla sua bocca; insultato, non rispondeva con insulti, maltrattato, non minacciava vendetta, ma si affidava a colui che giudica con giustizia”. Come vorremmo pastori capaci, come Gesù, di fare tutto questo, pur nei limiti della persona umana. Ed è sempre Pietro, il Pastore che guida la Chiesa di Cristo, scelto da Gesù direttamente ed affidato a lui le porte del regno dei cieli, al centro della prima lettura di oggi, tratta dagli Atti degli Apostoli, in cui il primo degli Apostoli predica con forza la conversione e il perdono dei peccati nel nome di Cristo Crocifisso. I presenti ai suoi discorsi, ci ricordano il brano, “si sentirono trafiggere il cuore e dissero a Pietro e agli altri apostoli: «Che cosa dobbiamo fare, fratelli?». La risposta di Pietro  non ammetteva indecisioni o ritardi: «Convertitevi e ciascuno di voi si faccia battezzare nel nome di Gesù Cristo, per il perdono dei vostri peccati, e riceverete il dono dello Spirito Santo”. Ed altre parole molto toccanti e coinvolgenti da punto di vista umano e spirituale: «Salvatevi da questa generazione perversa!».

Si questa è la missione di ogni buon apostolo, pastore, missionario. Aiutare il popolo santo di Dio a salvarsi dal male e dalla perversione, corruzione che è presente nel mondo per opera del diavolo. Liberare l’uomo dalla terribile schiavitù di amare il male e non il bene, seguire la menzogna e non la verità, seguire l’io e se stessi e non Dio e la Chiesa. L’opera del buon pastore deve essere un’opera di risanamento morale, mediante l’annuncio della passione, morte e risurrezione di Cristo. Ma il buon pastore che non dà il buon esempio è meglio per lui non dire cose se poi non le mette in pratica. Papa Francesco nei suoi numerosi discorsi si questo tema ha sollecitato un impegno più ampio dei sacerdoti che devono sentire l’odore delle pecore, piuttosto che allontanarsi da esse e non curarle per nulla, impegnati come sono in cose futili e insignificanti per delle persone che hanno deciso liberamente d donarsi a Dio con tutto il cuore, la mente, le energie e per sempre.

Sia questa la nostra umile preghiera nel giorno in cui dobbiamo avere a cuore tutti i sacerdoti del mondo, tutti i seminaristi e quanti sono in cammino verso l’alta meta dell’ordinazione presbiterale: “Dio onnipotente e misericordioso, guidaci al possesso della gioia eterna, perché l’umile gregge dei tuoi fedeli giunga con sicurezza accanto a te, dove lo ha preceduto il Cristo, suo pastore”. Ed oggi che è la festa della mamma, preghiamo per tutte le mamme viventi e defunti di tutti i sacerdoti viventi e defunti. Amen.

 

La domenica del Buon Pastore. Omelia di padre Antonio Rungiultima modifica: 2014-05-09T19:49:11+02:00da pace2005
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento