Morti

PALIANO (FR). E’ MORTO PADRE ANGELO DI BATTISTA, PASSIONISTA

padreangelo

Paliano (Fr). E’ morto padre Angelo Di Battista, passionista

di Antonio Rungi

All’età di 78 anni, sabato 15 aprile 2017, alle ore 20,05, nel Ritiro di Santa Maria di Pugliano in Paliano (Fr) è morto padre Angelo Di Battista. Padre Angelo di è spento dopo un anno di sofferenza, dovuta ad un tumore maligno che in nove mesi lo ha consumato e portato alla morte. Padre Angelo dell’Addolorata, al secolo Pietro Di Battista, era nato a Roccavivi (L’Aquila), il 18 maggio 1939, da Francesco e Anna Colone. Tra i passionisti entra giovanissimo e dopo gli studi e il noviziato il 15 ottobre del 1955 a Falvaterra emette la professione dei consigli evangelici. Incamminato verso il sacerdozio, dopo gli studi filosofici e teologici, viene ordinato sacerdote a Napoli l’8 giugno 1963. Subito viene immesso nel campo della formazione e già nel 1964 lo si trova a Calvi Risorta come docente di latino e di altre discipline per gli alunni delle scuole medie della scuola apostolica. Il suo progressivo impegno nel campo della formazione prosegue, come quello in campo missionario, apostolico e pastorale. Più volte parroco, il suo più lungo periodo in questo ufficio lo ha trascorso nella parrocchia di Santa Maria Maggiore in Itri (Lt), poi a Ceccano (Fr) a Santa Maria a Fiume ed infine a Paliano dove ha trascorso gli ultimi anni della sua vita. Consultore alla formazione nel quadrienni 1982-1986 elaborò un articolato progetto di formazione per la Provincia dell’Addolorata (Basso Lazio e Campania), ora Regione, dando dimostrazione non solo di vasta cultura e competenza nel settore, ma anche di sensibilità umana e pastorale. Con gli anni con avanzavano, anche padre Angelo incominciò ad avere seri problemi di salute, fino a quando lo scorso luglio 2016, d’urgenza fu operato di un tumore allo stomaco, che lentamente lo ha portato alla morte. Padre Angelo è stato un sacerdote di ampio impegno nel campo pastorale. E’ stato anche superiore locale più volte in varie parti della Provincia Religiosa. Stimato da tutti, aveva il coraggio delle persone audaci e che non temevano il giudizio degli altri, quando sapeva di essere nel giusto e nella verità. Come tutti, anche lui ha sofferto per tanti motivi. Ed ora la sua sofferenza si è trasformata in gioia. Morire alle vigilia di Pasquale, all’inizio della veglia pasquale è un dono per lui che è volato in cielo, ed un segno per quanti lo hanno conosciuto, appassionato come era per la Congregazione della Passione, di cui era orgoglioso e soffriva tanto quando le cose non andavano. Ottimo scrittore, gli ultimi suoi articoli li ha firmati sul Presenza Missionaria Passionista, di cui è stato sempre un ottimo e valido collaboratore. Ultimo articolo dei suoi studi e approfondimenti culturali è stato dedicato a “Umanesimo e Cristianesimo”. Grazie padre Angelo per quello che hai fatto, ci hai lasciato, trasmesso ed insegnato con la parola, ma anche con l’esempio della vita, nonostante le umane fragilità che tutti gli uomini portano con sé fino alla morte. La sofferenza e la malattia sono spesso strumenti di purificazione per presentarci puri e semplici davanti al Tribunale di Dio, dove tu sei passato già ed hai avuto il premio che meritavi: “Oggi sarai con me in Paradiso”. I funerali di padre Angelo si svolgeranno, con molta probabilità martedì mattina a Paliano. Si attendono conferme in questa direzione. Per ora preghiamo per la sua anima e riposi in pace, nella luce del Cristo Risorto e vicino alla Madonna Addolorata e a San Paolo della Croce, che tanto amava e onorava.

FALVATERRA (FR). MORTO FRATEL CLEMENTE CALABRESE PASSIONISTA

fraclemente

Falvaterra (Fr). Morto Fratel Clemente Calabrese, passionista

di Antonio Rungi

Dopo una lunga malattia, all’età di 77 anni, di cui 61 vissuti da religioso passionista, si è spento, serenamente, Fra Clemente di Gesù Bambino (al secolo Antonio Calabrese).

Nato il 17 febbraio 1939 da Giovanni Calabrese e da Maria Filomena Santarpia, a Sant’Antonio Abate, nell’Arcidiocesi di Sorrenti-Castellammare d Stabia (Na), Fratel Clemente professò i consigli evangelici e la memoria della passione di Cristo, tra i Passionisti, il 24 febbraio 1955 a Falvaterra, dove ha vissuto l’ultimo periodo della sua malattia e dove, domenica, 23 ottobre 2016, alle ore 15.30 si svolgeranno i funerali e dove verrà seppellito nel cimitero del Ritiro di San Sosio Martire.

Fratel Clemente è stato un religioso laborioso che si è dedicato, con grande umiltà, sensibilità, generosità e senso di appartenenza alla Congregazione. Per lunghi anni è stato Fratel questuante nella zona del Cilento, dove era conosciutissimo e dove raccoglieva le derrate alimentari necessarie per i bisogni  delle comunità in  cui viveva. E’ stato in vari conventi dell’ex-Provincia religiosa dei Passionisti del Basso Lazio e Campania e da diversi anni, prima di Falvaterra, ha vissuto nel convento di Sora, sempre con la sua interiore predisposizione ad essere utile alla Congregazione, di cui andava fiero.

Da diversi anni era affetto da varie malattie, che progressivamente lo hanno portato all’inabilità totale, fino al giorno della sua morte, avvenuta, oggi, 21 ottobre 2016, in mattinata, all’Ospedale “Cristo Re” di Roma.

La famiglia religiosa della Regione dell’Addolorata lo ricorda con affetto e gratitudine per quanto ha fatto con umiltà nell’istituto sempre disponibile alla volontà di Dio e alle decisioni dei superiori.

P.RUNGI. NO AI BOTTI DI CAPODANNO 2016 PER RAGIONI MORALI E SOCIALI

rungi-informazioni
COMUNICATO STAMPA
P.RUNGI (TEOLOGO MORALE). NO AI BOTTI DI CAPODANNO 2016 PER MOTIVI MORALI E SOCIALI.
Da un ventennio, padre Antonio Rungi, teologo morale, religioso passionista, attualmente in servizio pastorale e spirituale presso il Santuario della Civita, in Itri (Lt), porta avanti la sua compagna contro i botti di Capodanno. Anche per la fine dell’Anno 2015 e l’inizio del nuovo anno 2016, padre Rungi, ribadisce il suo totale “No ai botti di Capodanno”. Le ragioni che il teologo morale apporta in una Nota personale, inviata agli organi di stampa sono, come egli scrive “di ordine morale e sociale”. I motivi morali vengono indicati nel fatto che “siamo nell’Anno della misericordia, nell’anno giubilare e la gioia del vero credente e cristiano è quella interiore e non caotica e chiassosa dei botti rischiosi di fine anno; ma siamo anche in una congiuntura economica gravissima, al punto tale che ogni spreco e ostentazione di consumismo fine a se stesso e di feste apparenti, contraddice con il clima generale che si respira in Italia e soprattutto al Sud, dove maggiore si avverte la crisi economica. E poi ci sono stati i terribili fatti di sangue del 2015 con i tanti morti e non solo per il terrorismo che si sono registrati in tante parti del mondo. Cose –precisa il teologo Rungi – che dovrebbero far riflettere seriamente tutte le persone responsabili e specialmente quelli che credono in Dio e professano la fede cristiana. Spesso sono proprio costoro che spendono molto in fuochi artificiali e non fanno opere di bene, anche di fronte alle richieste di aiuto più certe e veritiere. Le opere di misericordia corporale spirituali che dovrebbero essere prese in seria considerazione nella pratica quotidiana, specie durante il Giubileo, chiedono una concreta e mirata applicazione proprio in occasione del passaggio al nuovo anno solare, che, per tradizione cristiana, è definito Anno del Signore. Che sia davvero l’Anno del Signore, dal momento che è l’Anno del Giubileo e pertanto ogni cosa deve rimettersi al proprio posto e deve rientrare nell’ordine morale che ben conosciamo noi cristiani, soprattutto nel settore della giustizia sociale”. Tra le motivazioni sociali, il teologo Rungi, fa riferimento “all’ordine pubblico, alla sicurezza dei cittadini, che hanno bisogno di trascorrere questo Capodanno senza paure di attentati o con il rischio di utilizzare il caos di fine anno, da parte di malintenzionati per compiere atti di violenza di qualsiasi genere. Dopo gli attentati di Parigi, tutta l’Europa deve essere più accorta nel prevenire qualsiasi azione terroristica sul suo territorio. Dopo tali drammatici fatti, tutto sembra essere sotto controllo, ma non bisogna mai abbassare la guardia e far trascorre tranquillo il passaggio al nuovo anno, facendo festa in famiglia o nelle piazze, ma evitando fuochi artificiali. Mi auguro che un Decreto urgente del Governo, di oggi 30 dicembre 2015, vieti per quest’anno i fuochi artificiali in tutta Italia, anche per le ben note questioni di inquinamento. E se questo non fosse possibile o si è in ritardo per farlo, ci auguriamo tutti, visto che ce n’ è bisogno urgente che nella notte di San Silvestre piova su tutta l’Italia, in modo che nessuno possa sparare i fuochi artificiali, dei quali sicuramente già si è dotato come è pessima e rischiosa abitudine, soprattutto nelle Regioni del Sud. Strano fatto –conclude padre Rungi – dove c’è più miseria e fame, disoccupazione mancanza di soldi, più si spendono denari, buttati all’aria e al vento, nella notte di San Silvestre, proprio per i fuochi artificiali, causando, in moltissimi casi, sofferenze e morte in famiglie e luoghi, dove si è abituati a salutare il nuovo anno in questo modo immorale, illegale e antisociale”.

P.RUNGI. I DIECI COMANDAMENTI GIUBILARI

DSC02023DSC02026

ITRI (LT). P. RUNGI. I DIECI COMANDAMENTI GIUBILARI

Ad un mese dall’apertura del Giubileo della Misericordia, indetto da Papa Francesco e che avrà inizio l’8 dicembre 2015 a Roma, padre Antonio Rungi, religioso passionista, ha composto un decalogo giubilare, nel quale, indicando dieci regole di comportamento, fissa l’attenzione sui contenuti essenziali per una degna celebrazione dell’anno santo.
I dieci comandamenti giubilari sono fissati in questi suggerimenti ed inviti ad agire a livello personale e comunitario.

 

1. Non avrai altro scopo nella vita che quello di servire Dio.

2. Ricordati che sei un peccatore e devi convertiti a Cristo Salvatore.

3. Non offendere nessuno con le parole e le azioni.

4. Ricordati di perdonare a chi ti ha offeso e di chiedere perdono se hai offeso tu.

5. Non pensare solo a te stesso, ma anche ai fratelli che sono in necessità.

6. Ricordati di fare il bene sempre, anche quando non sei ricambiato su questa terra e dai tuoi parenti.

7. Non essere arrogante, presuntuoso e altezzoso, ma sii umile, disponibile e amorevole verso tutti.

8. Ricordati che il Paradiso lo si conquista facendo il bene ed amando Dio e i fratelli.

9. Non essere, ipocrita, falso e infedele, ma sii coerente con te stesso.

10. Ricordati che la verità viene sempre a galla e che in Dio tutto sarà luce e trasparenza assoluta nell’eternità futura.

“Sono convinto -scrive padre Rungi in una Nota personale – che il prossimo giubileo che è prima di tutto per la Chiesa e per i membri tutti della Chiesa è un forte invito alla conversione personale, alla fedeltà alla propria vocazione battesimale, alla pulizia morale e alla trasparenza nei nostri atti e comportamenti. Questo tempo propizio e di grazia deve far riflettere tutti nella Chiesa di Cristo in questo tempo di forti scossoni, ma sempre pronti a rendere ragione della gioia, della speranza, della fede e dell’amore verso Dio e verso i fratelli in ogni situazione, anche dolorosissima, della nostra vita e di quella della comunità dei credenti. Nulla potrà mai separarci dall’amore di Dio e dalla sincera volontà di convertirci e fare sempre il bene, nonostante le piccole debolezze dell’esistenza”.

 

AIROLA (BN). I FUNERALI DI ZIO MARCUCCIO.

logo

Airola (Bn) L’estremo saluto a Zio Marcuccio Ciaramella

Un legame profondo con i passionisti, di cui è stato collaboratore laico per oltre 30 anni. E i passionisti della provincia dell’Addolorata, in modo speciale i Passionisti del Convento di Monteoliveto hanno voluto dare l’estremo saluto al carissimo amico durante il solenne funerale che si è svolto nella chiesa di San Michele a Serpentara, oggi, 7 gennaio 2015. Marco Ciaramella, 94 anni, era morto il giorno 5 gennaio alla vigilia dell’Epifania, sulla tarda serata, addormentandosi serenamente nel Signore, come serena è stata la sua vita, vissuta con la sua metà, Antonietta Ricciardi, sua coetanea, che l’ha assistito fino alla fine.  Ex-carabiniere, Zi Marcuccio è stato per Airola, soprattutto per la zona di Santa Caterina un punto di riferimento storico, spirituale e di onestà. Vissuto vicino alla Serva di Dio Concetta Pantusa, ha respirato il clima della spiritualità passionista, francescana e delle clarisse. Le tre chiese di riferimento per la sua vita spirituale e cristiana erano il Convento di Monteoloveto, le Clarisse e San Pasquale. Conclusa la sua esperienza nell’Arma Benemerita, Zi Marcuccio si era dedicato alla sua antica passione di agricoltore, dedicando il suo volontariato, prima alla Casa di rieducazione femminile, affidata al Suore di Gesù Redentore,  ai passionisti del Convento di Monteoliveto, condividendo con i padri non solo le attività quotidiane, ma anche la vita e la preghiera del monastero, contemporaneamente svolgeva il suo volontariato presso le Suore Pallottine, avendo una cugina tra di loro, Suor Lourdes, anche lei prsennte insieme ad altre suore ai funerali. E i passionisti riconoscenti sono arrivati numerosi per partecipare alla santa messa esequiale. E’ arrivato dal santuario della Civita in Itri, padre Antonio Rungi, passionista, ex-superiore provinciale, originario di Airola, che con Zi Marcuccio e Zi Antonietta ha vissuto i suoi primi anni di vita, prima di entrare tra i passionisti, confinando con la casa di sua proprietà, ma anche negli anni successivi. Ogni venuta ad Airola era d’obbligo per padre Rungi la visita a  Zi Marcuccio, soprattutto, quando in seguito ad un incidente, rimase  a letto. Sono arrivati gli altri padri: Ludovico Izzo, ex-superiore provinciale e ex-superiore di Monteoliveto; padre Amedeo De Francesco, ex-parroco di San Michele a Serpentara e ex-vicario della comunità di Airola; padre Antonio Graniero, ex-vicario della comunità passionista di Monteoliveto. Della comunità passionista attuale di Monteoliveto erano presenti il superiore-parroco, padre Paquale Gravante, padre Onorio Volpicelli; padre Francesco Minucci. In rappresentanza della provincia religiosa dei passionisti della Campania e del Basso Lazio è giunto da Napoli, padre Mario Caccavale, attuale preposito provinciale, che ha presieduto il rito ed ha tenuto l’omelia sui testi biblici della celebrazione, mettendo in risalto il significato della morte dei fedeli alla luce della morte e risurrezione di Cristo. Concelebranti principali, padre Ludovico Izzo e padre Pasquale Gravante, parroco che a conclusione della messa ha tratteggiato un sintetico profilo umano e cristiano di Zi Marcuccio. Il rito iniziato alle ore 10.00 si è concluso alle ore 11.00 e la liturgia è stata animata dai canti del Coro San Gabriele dell’Addolorata di Monteoliveto. Presenti al rito i parenti più stretti del caro defunto, i nipoti, e una rappresentanza dell’Associazione nazionale dei Carabinieri – Sezione Airola, il cui presidente ha letto alla fine della messa la preghiera del Carabiniere, alla Virgo Fidelis; presenti anche amici ed estimatori di Zi Marcuccio e diversi fedeli della Parrocchia di San Michele a Serpentara, nonostante la giornata lavorativa.

“Con zi Marcuccio – ha detto padre Antonio Rungi – va via un altro pezzo di storia di questa mia città. La rettitudine morale, la serietà, l’affabilità, il rispetto altrui, la speciale devozione a Santa Maria Goretti, la venerazione verso i sacerdoti, soprattutto di noi passionisti, con i quali ha vissuto praticamente buona parte della sua vita, come collaboratore laico sono esempi di uomini di altri tempi, di grande elevatura umana e morale, di grande sensibilità. Pur non avendo avuto il dono dei figli era per tutti un padre e un nonno affettuoso, premuroso e generoso. Incontrarlo era una gioia per tutti, per il suo stile affabile, amabile e rispettoso di tutti. Una persona dal cuore grande e dalla sensibilità fuori dal comune. Sono vicino personalmente alla moglie Zia Antonietta, ai parenti e familiari più stretti, assicurando la mia preghiera di suffragio per Zi Marcuccio e di vicinanza spirituale per quanti soffrono di questa grave perdita per loro stessi e per gli altri”.

A BARBACENA IN BRASILE L’ESTREMO SALUTO A PADRE FERNANDINHO

vitale3.jpgBrasile (Barbacena). Morto il decano dei  missionari passionisti in Brasile: P.Ferdinando Vitale

 

di Antonio Rungi

 

Il giorno 3 novembre 2013, in Brasile, a Barbacena è morto, all’età di 99 anni, Padre Ferdinando della Sacra Famiglia (Giuseppe Vitale), nato a Caivano (Na) il 23.11.1914, e professato tra i passionisti,  a Paliano (Fr) il 11.11.1933, ordinato sacerdote a Paliano (Fr) il 03.06.1939.

L’esemplarità di questo sacerdote di origini napoletane sta nel suo zelo missionario, vissuto con lo stesso spirito degli inizi per 60 anni continuativamente. Persona semplice, umile, gioiosa ha vissuta la sua esperienza di missionario passionista in una terra, quella brasiliana, dalle grandi problematiche umane e sociali, portando il suo contributo di idee di impegno di vita cristiana, ovunque è stato. Era dalla parte dei poveri, ha vissuto con i poveri  e tutto faceva per i poveri. I progetti sociali per i bambini sono stati il suo impegno prioritario nello Stato di Minas Gerais e di Espirito Santo in Brasile. Tante le città e i luoghi che hanno visto la sua opera missionaria in 60 anni ininterrotti, seguendo l’iter umano e formativo di intere generazioni di bambini, genitori brasiliani sprovvisti del necessario. Uomo di preghiera, ma soprattutto di carità fattiva e generosa, che impegnava il suo tempo per trovare soluzioni immediate per la sopravvivenza di tanti bambini. Suo impegno quotidiano, negli anni in cui ha operato a Barbacena, era quello di girare per le panetterie e ritirare, ogni giorno, il pane non venduto, che gli veniva dato gratuitamente per poi distribuirlo subito ai bambini, quando tornavano a casa dopo la scuola.

I solenni funerali sono stati celebrati oggi a Barbacena, presso il Projetto Devida, di cui una parte dell’intero complesso è stato intitolato alla sua persona e al suo impegno carismatico in questa zona a ovest di Belo Horizonte.

Molte le opere realizzate in varie città del Minas Gerais a Colatina, Barra Sao Francisco, tra chiese, opere sociali, dispensari. I bambini e la famiglia erano al centro del suo cuore e con l’affetto e la tenerezza del sacerdote napoletano portava avanti le varie iniziative confidando molto sulla provvidenza. Nei suoi viaggi di spostamento da una zona all’altra della missione utilizzava una mula, alla quale aveva dato il nome di “Peppinella”. Persona umile, distaccata dai beni della terra, ha vissuto con semplicità e nella massima povertà il vangelo della carità e della solidarietà. Per venire incontro alla formazione umana, culturale e lavorativa della gente dei luoghi ove ha operato da missionario, avviò corsi di formazione di ogni genere, da quello in campo edile a quelli più impegnativi nel settore dei servizi. Nel suo amato Brasile era arrivato con altri missionari passionisti della Provincia religiosa dell’Addolorata, comprendente il Basso Lazio e la Campania, alla fine del 1953, dove è rimasto per 60 anni, fatto eccezione per le poche volte che veniva in Italia, non solo per rivedere confratelli, parenti e conoscenti, ma specialmente per chiedere aiuto e sostegno per i suoi tanti bambini considerati dei figli, bambini presi dalla strada, senza genitori e senza parenti diretti che poi venivano accuditi in tutto nei progetti sociali, che sono stati i luoghi privilegiati dei missionari passionisti nei due Stati brasiliani dello Espirito Santo e del Minas Gerais in 60 anni di presenza. Una presenza che si è allargata ed ampliata con molte vocazioni alla vita sacerdotale e religiose    , dovute alla promozione vocazionale di P. Ferdinando Vitale, un vero maestro di vita spirituale, apostolica e missionaria e un saggio direttore all’intero e all’esterno della Congregazione dei Passionisti, di cui andava orgoglioso.

 

La testimonianza di padre Giovanni Cipriani, un suo confratello missionario in Brasile.

 

“Eu sou do partido do TP… (Tapa Buraccos)”. Quem não escutou essa frase da boca do Pe. Fernandinho? Era sua maneira de intender e viver a vida missionária: humildade e disponibilidade. Sempre pronto para consolar, ajudar, curar as feridas do coração.

Padre Fernando (carinhosamente chamado de Fernandinho) nasceu em Caivano, perto de Nápoles, na Itália, no dia 23 de novembro de 1914, filho de Ferdinando Vitale e Maria Paone Vitale.

Escolheu ser missionário. Emitiu seus primeiros votos na Congregação Passionista, em Paliano, no dia 11 de novembro de 1933 e foi ordenado sacerdote em Nápoles no dia 3 de junho de 1939.

Foi diretor do seminário e professor de matemática na Itália.

Aos 39 anos de idade, deixou a Itália e partiu, de navio para o Brasil. Aos 7 de novembro de 1953, desembarcou no Rio de Janeiro.

Ficou um tempinho em Jardim América, Cariacica – ES. Em fevereiro de 1954, foi para São Silvano, Colatina – ES e depois para Barra São Francisco – ES.

Com seu incansável espírito missionário próprio de São Paulo da Cruz, associado ao modo alegre, jovial e enérgico próprio dos napolitanos, foi o desbravador do norte do estado do Espírito Santo até a divisa de Minas Gerais (Barra de São Francisco, Ecoporanga, Mantenópolis, etc.).

Neste tempo tudo isso era feito no lombo da Peppinella, sua mula de estimação.

Por onde passava realizava com os povos carentes uma contínua promoção da vida humana, além da evangelização. Em Barra de São Francisco promoveu diversos cursos (crochê, tricô, carpintaria, marcenaria e eletricista); foi inspirador da Escola Família Agrícola e fundou o Seminário Passionista (1970). Construiu a Igreja Matriz da cidade, juntamente com os padres Alfredo e Daniel.

Em 1962, volta para São Silvano, Colatina – ES. Aqui também, sua marca é o ânimo missionário, a preocupação com as questões sociais, a profunda vida de oração. Sempre disponível à serviço da Igreja e da Congregação, através de uma vida simples e modesta.

Esse olhar a realidade com os olhos compassivos de Jesus, leva o Pe. Fernandinho a ‘inventar’ algo para acolher as crianças pobres.

Em 1963, recebeu as Irmãs Passionistas em São Silvano para atender as crianças carentes. E em 1984, funda a Creche Santo Antônio, em São Silvano. A partir desta data a Creche acolhe centenas de crianças carentes do bairro.

Em 1983, celebrando os 30 anos de chegada dos Passionistas em Colatina, no dia 29 de outubro, em São Silvano, Pe. Fernandinho celebra os 50 anos de profissão religiosa. Nessa ocasião ele recebe o título de “Cidadão Colatinense”.

Em 1995, Pe. Fernandinho é transferido para o seminário passionista de Ilhas das Flores, Vila Velha – ES, acompanhando as comunidades da paróquia de Paul.

Continua seu trabalho em Jardim América e Belo Horizonte.

Em 1999, ele chega em Barbacena, aonde esta funcionando o Projeto Devida, acolhendo as crianças carentes.

Mantendo o mesmo espírito missionário, profético, continua seu trabalho junto as comunidades pobres e crianças carentes do “Projeto Devida”.

E mesmo de idade avançada, seu espírito nunca perde a criatividade para praticar a caridade evangélica e ajudar os pobres. Todos os dias podíamos ver ele ir nas padarias, recolher o pão do dia anterior, carregá-lo nas costas, levá-lo até a casa e distribuí-lo aos pobres que estavam já esperando.

É a caridade que faz milagres!

Em 23 de novembro de 2003, inaugurando o 3º bloco do Projeto Devida, é descoberta uma placa colocada no centro missionário: “Centro missionário passionista Pe. Fernando Vitale”.

Pois, Pe. Fernandinho foi um ardoroso missionário, e por onde passava, deixava marcas profundas.

Talvez sua maior marca tenha sido a alegria de viver: sempre sorrindo, cantando, brincando…

Sempre foi muito trabalhador e, mesmo com a idade avançada, não tinha restrições para celebrar, visitar doentes, ajudar os pobres.

Pe. Fernandinho faleceu às 21h15 do dia 3 de novembro de 2013. Enquanto os irmãos passionistas do Vicariato Nossa Senhora da Vitória, a cidade de Barbacena, os amigos estavam já preparando a celebração dos 99 anos de vida (dia 23).

Ele deixa tanta saudade e inúmeros exemplos de vida missionária. Pe. Fernandinho não era um teórico da missão e da caridade. Ele era um praticador… e sempre com tanta humildade e pouco falar…

E quando alguém destacava seu espírito missionário, ele respondia, quase alterado: “o que estou fazendo de particular? Estou fazendo semplicemente o que Jesus pede aos seus discípulos, e nada mais…”

Obrigado, querido e saudoso Fernandinho.

Descanse em paz agora, vocês que nunca tinha tempo para descançar

PREGHIERA DI P.RUNGI PER I FEDELI DEFUNTI 2013

Defunti2013.jpgIn occasione della Commemorazione dei fedeli defunti del 2 novembre 2013, padre Antonio Rungi, sacerdote passionista e teologo morale, ha composto una speciale preghiera per tutti i defunti, incentrando la sua orazione soprattutto sulle vittime delle violenze di ogni genere, sul disprezzo della vita e contro la cultura della morte che spesso sembra dominare nella società contemporanea. Una preghiera che affida a tutti i sacerdoti e a tutti i fedeli, specialmente a quanti tra oggi, Festa di Tutti i Santi, e domani, Commemorazione dei fedeli defunti si recheranno al cimitero per pregare sulla tomba dei propri cari o partecipare alle celebrazioni religiose commemorative per questo giorno. Ecco il testo dell’orazione che il sacerdote ha divulgato in formato cartaceo e telematico:
 

Preghiera per i Defunti di padre Antonio Rungi, passionista 

 

Signore della vita,  

Tu ci doni tanti giorni in questo mondo 

per preparaci all’incontro con Te nell’eternità. 

 

Tu hai vinto la morte,  

ma noi, nonostante la fatica della vita, 

abbiamo paura di morire, 

ma tu donaci la grazia di saper soffrire 

patire e morire in pace con Dio. 

 

Come Te che di fronte all’imminente morte in Croce 

Ti sei rivolto al Padre chiedendo  

se era possibile che passasse quel calice amaro della Passione,  

fa che quanti hanno fede in Te  

possano ottenere la grazia di soffrire di meno 

guardando alla tua croce e alla tua morte in Croce. 

 

Signore della vita, noi sappiamo che la morte 

non è l’ultima parola per ogni persona che viene in questo mondo, 

ma è il passaggio alla gloria del cielo, all’eternità, 

in attesa del giudizio universale e della risurrezione finale 

dei nostri corpi mortali. 

 

In questi giorni di maggiore preghiera 

per i nostri cari e per tutti i defunti 

concedi a quanti sono in attesa  

di incontrarti per sempre in Paradiso,  

di ottenere questa grazia  

per la nostra umile ed incessante preghiera  

che eleviamo a Te per i nostri cari, 

per quanti sono dimenticati  

e soprattutto per le anime sante  

più abbandonate del Purgatorio. 

 

Ti preghiamo per i bambini mai nati, 

perché l’egoismo e la pura dei grandi 

ha stroncato la loro vita sul nascere.

 

Ti preghiamo per i bambini appena nati  

e che non avanzarono nel tempo dell’età 

perché nell’indifferenza dei grandi della terra 

morirono per la miseria,  fame e  povertà di ogni genere. 

 

Ti preghiamo per le vittime di tutte le guerre  

e delle nostre guerre odierne,  

quelle combattute nel nome di una presunta libertà dell’uomo 

e quelle combattute volutamente  per offendere  

e distruggere la vita della gente:  

dei bambini, giovani, anziani, donne,  

uomini di ogni razza cultura e religione  

che sono massacrati, in tanti modi, 

su questa martoriata e sofferente terra,  

che non riesce ad alzare il suo sguardo al cielo,  

per contemplare Te, Dio di amore e di misericordia.

  

Signore, fa che questi giorni  

dedicati alla Commemorazione annuale dei fedeli defunti,  

non passino invano, ma lascino il segno 

di una conversione alla cultura della vita  

e della pace in tutti gli angoli del mondo. 

 

I nostri cari, non hanno bisogno solo di fiori, 

luci, candele e mausolei  

per continuare la loro comunione spirituale con noi, 

hanno bisogno delle nostre preghiere e delle nostre opere buone, 

portando a compimento  

questo progetto d’amore e di riconciliazione 

nelle nostre famiglie, nei nostri ambienti, nelle nostre chiese, 

nel lavoro quotidiano, nella cultura, nella politica e nell’umana società. 

 

I tanti nostri cari, concittadini, connazionali,  

immigrati, fratelli e sorelle in umanità 

morti per tantissime giuste cause  

e per rendere il nostro mondo migliore, 

dal cielo possano guidare  

noi uomini di questo terzo millennio 

a guardare la vita nella prospettiva dell’eternità, 

agendo sempre bene su questa terra,  

nell’attesa della felicità nella vita eterna. Amen

 

 Padre Antonio Rungi, passionista

 

(Commemorazione dei Fedeli Defunti – 2 Novembre 2013) 

Lampedusa. Su questa immane tragedia riflettiamo tutti ed agiamo.

morti-lampdusa.jpgUn dolore immenso che non possiamo tacere

di Antonio Rungi

Il mondo non può continuare a vivere se nulla fosse successo questa mattina. Ogni giorno le notizie della morte di immigrati sulle nostre coste oppure su altre del mondo occidentale non ci scuotono più di tanto. Forse, oggi, il numero così grande di vittime della speranza ci fa, in questo momento, essere più realistici ed anche più arrabbiati rispetto ad altre simili tragedie, simili vergogne che non dovrebbero più accadere nel mondo. L’immigrazione c’è sempre stata nella storia dell’umanità e sempre ci sarà, perché l’uomo è cittadino del mondo e come tale si trasferisce da una parte all’altra con facilità se è nelle su possibilità. Oggi il dramma non è quello della immigrazione, ma delle leggi che ne ostacolano la normale attuazione. La restrizione delle possibilità di una persona di andare da una parte all’altra è dettata dalle leggi dei singoli stati, delle comunità di stati o dell’unione di più stati. Certo in Italia che già soffre per se stessa non possiamo materialmente accogliere migliaia e migliaia di persone, in assenza di lavoro e di strutture, anche se il nostro cuore di italiani è sempre aperto ad accogliere gli immigrati, memori anche noi di essere stato e di essere un popolo di navigatori, poeti, santi e turisti perenni. Il problema dell’immigrazione è quindi a monte. Quanti organizzano i cosiddetti viaggi della speranza, in tutta clandestinità, che poi si trasformano puntualmente in viaggi della morte si posso permettere queste operazioni illegali perché sanno che possono farcela, in quanto è davvero impossibile controllare partenze ed arrivi da ogni parte del mediterraneo. Dovrebbero essere i paesi d’origine a tenere sotto controllo i propri cittadini. Di essi spesso non sanno neppure il nome, perché non sono registrati all’anagrafe, non ne sanno nulla. Molti poi scappano come nel caso di oggi dalle guerre civili e dalle violenze, scappano dalla fame e da ogni altra miseria umana e corporale. La presenza di donne e bambini è dice lunga circa il motivo per cui vengono in Italia. Vengono nella speranza della “salvezza” nel nome di quel Dio in cui tutti crediamo e che dovrebbe essere il motivo per accogliere tutti. Oggi si parla, nel linguaggio politico, che non è questione solo dell’Italia, ma dell’Europa. Io dico che è una questione mondiale, di questo mondo così assurdo che permette ancora di far morire 18 milioni di bambini per fame all’anno e altri milioni di persone per mancanza del necessario. Un mondo dove la guerra uccide fratelli e sorelle per un assurda legge di predominio, di prepotenza, di superiorità o per banali motivi di interesse territoriale, culturale, economico e religioso. Questo mondo deve cambiare rotta e tutti devono essere protagonisti di questo cambiamento. Abbiamo l’Onu, abbiamo organizzazioni mondiali, europee, abbiamo associazioni di ogni tipo. Cosa fanno per arginare questo fenomeno dell’immigrazione clandestina che determinano la morte sistematica e scontata di tante persone. Su un barcone con oltre 500 persone che incominciava a calare a picco nel mare, qualcuno per farsi vedere dalle navi ed imbarcazioni in transito ha acceso il fuoco con le conseguenze che conosciamo. Se era una traversata regolare ed autorizzata non poteva succedere questo. Ecco perciò che io come tante persone sensibili si domanda: ma dove sono i controlli, chi ci guadagna su questi viaggi, non è che ci sia la corruzione anche in questo ambito nei territori di provenienza di queste persone che lasciano la loro nazione in cerca di lavoro o di libertà?
Due anni fa stavo ancora a Mondragone nel nostro convento dei Passionisti e furono trasferiti in questa struttura circa 100 immigrati clandestini provenienti da Lampedusa, accolti dal Centro Laila, che è ospitato nella nostra struttura conventuale. Ci stettero due mesi e poi furono trasferiti in altri centri di accoglienza più attrezzati. Fu bello vedere tante persone di culture e religioni diverse, di ogni popolo e nazione stare insieme ed anche pregare nella nostra chiesa parrocchiale. Quella presenza non fu per alcuni gradita, per altri invece accettata e sostenuta e scattò una gara di solidarietà, di turnazione per assicurare l’assistenza in certi ambiti come la mensa e la distribuzione dei viveri. Fu un gesto di disponibilità che fece scattare su quella città anche la solidarietà verso gli ultimi. Non mancarono problemi di coesistenza tra vari gruppi, ma alla fine tutto fu gestito alla meglio e con un profondo vuoto lasciato nella città quando gli immigrati andarono via. Il racconto delle loro tragedie umane personali e familiari le porto ancora nel cuore e nei miei ricordi. Voglio dire che non basta solo la buona volontà di qualcuno, forse anche interessato economicamente ad accogliere gli immigrati, ma deve essere un discorso di legalità a livello internazionale e mondiale. Le norme vanno riviste e rispettate, perché questi nostri fratelli che arrivano in Italia e riescono a salvarsi la vita, se vengono accolti bene rimangano pure, ma se devono essere sfruttati, umiliati, vederli in mezzo alle strade, soprattutto le donne per altri tipi di comportamenti, non solo quale discorso di accoglienza e di umanità possiamo fare se permettiamo di far vivere nei tuguri, senza acqua, senza luce, senza cibo migliaia di persone che sono clandestine e che in Italia dopo aver trovato la salvezza dal mare, trovano la morte quotidiana, materiale e spirituale, perdendo la loro dignità di esseri umani, vivendo come “bestie” e pagando fitti e svolgendo lavoro con l’essere sfruttati fino all’osso. Ecco perché davanti all’ennesima tragedia di oggi mi interrogo e ci interroghiamo: perché non aiutare questi popoli a farli crescere e sviluppare dove sono dando gli aiuti necessari, senza promettere a loro dei paradisi che non ci sono da nessuna parte, neppure nel nostro bellissima ed accogliente, da tutti i punti di vista, come l’Italia? Perché l’aiuto non lo diamo in loco. Evidentemente ci sono interessi di ogni genere per far arrivare clandestinamente in Italia e in occidente questi nostri fratelli. Allora anche le nostre lagrime di oggi e le nostre rabbie non hanno senso, se poi a pronunciarle sono persone che hanno responsabilità in Italia e altrove. Ancora una volta la voce di Papa Francesco ci fa capire come dobbiamo agire: chi si vergogna di una cosa non la fa succedere più. Di queste ed altre vergogne l’umanità intera si sta caricando responsabilità davanti alla storia e soprattutto davanti a Dio. Ero forestiero e mi avete ospitato. Anche su questo verremmo giudicati tutti, credenti e non credenti, cattolici e di altre confessioni o religioni del mondo, perché il giudizio finale di Dio sulle nostre persone e sulla storia dell’umanità sarà sulla carità. Signore aiutaci a non continuare a sbagliare nei confronti di tanti fratelli e sorelle immigrati che vorrebbero arrivare nei paesi del benessere e della libertà e che poi muoiono tristemente nel mare con naufragi di ogni genere. Facci capire dove sbagliamo e soprattutto cosa dobbiamo fare concretamente perché questi drammi che toccano la coscienza di tutti non capitano davvero mai più… mai più!